Cancelliamo una cosa dell’anno vecchio

Se si potesse cancellare, come una magia, una bacchetta magica, qualcosa del 2015, definitivamente, voi cosa vorreste cancellare?

Questa è la mia città, Biella; e questa era la piazza del Duomo.

Foto Antonino del Popolo

Foto Antonino del Popolo

Una piazza il cui selciato è di ciottoli di fiume. Al centro, la fontana del Mosè. Tutto intorno, una fila ordinata di platani. Un insieme coerente con la città, una piazza non molto frequentata perché fuori dal giro solito del passeggio. Quotidiani abitanti: stormi di piccioni, adolescenti e fedeli.

Questi sono i lavori iniziati ad Agosto, con una convenzione tra la Città di Biella e il Capitolo della cattedrale di Biella.0JFWVOVY5036-kkeC-U1060795019227U3F-700x394@LaStampa.it (1)

(chi fosse interessato al progetto, qui il pdf del comune)

Facendo un breve sommario del sottosuolo (di una città che vanta pochi reperti archeologici e quindi tutto quello che si trova è come manna dal cielo) si sono trovate le fondamenta della vecchia chiesa, sepolture medievali, un rifugio della prima guerra mondiale. Poche cose, ma che per mancanza di fondi, sono stati prontamente coperti, dicono per preservarli, io dico per sempre. (qui l’articolo sui reperti archeologici) 

Dopo solo 5 mesi, la maggior parte dei platani abbattuti, i reperti tombati, ecco la piazza oggi.

Foto Antonio Canevarolo

Foto Antonio Canevarolo

Ciottoli inseriti in lastre di pietra lisce e chiare in uno strano gioco di colori e disarmonia. I pennoni? Luci a led e telecamere. I platani? Non ci sono più, al loro posto un quadrato d’erba e un cippo.

duomo biella piazza

A me questa piazza nuova non piace. Sono stati spesi 2 milioni e 200 mila euro per cosa? Per tentare di rendere moderna una piazza che non lo è? E non lo è perché il suo contesto è un contesto ottocentesco, una piazza raccolta, a pochi passi dal Battistero romanico, costruito con ciottoli locali e laterizi sulle rovine di un sepolcreto pagano tardo romano. Da restauratrice ho imparato a rispettare il tempo, la storia, a dare coerenza tra il restauro e il rifatto; a non invadere, a non prevaricare sull’opera, a lasciare il più possibile la natura originale, nel più assoluto rispetto.8a12f117-13fb-4a8e-a4ee-5f20196fb00aDicono che ci abitueremo, che passerà il tempo e tutto tornerà nella mente come vissuto. Io non lo so e se potessi, davvero questa nuova piazza la metterei nel cestino delle cose che non piacciono del 2015.
Poi c’è di peggio, lo so.

E voi? C’è qualcosa da mettere nel cestino e buttare via?

Chiara  

 

Annunci

37 pensieri su “Cancelliamo una cosa dell’anno vecchio

  1. Ce ne sarebbero di cose da cancellare, Chiara carissima. Di certo la disorganizzazione, la faciloneria e l’incompetenza con cui si affrontano i lavori pubblici, conservativi e non, sono fra quelle. Ma fanno anche parte del DNA, temo. Colgo l’occasione per fare a te ed ai tuoi cari i migliori auguri per un 2016 meraviglioso. Ciao, Piero 🙂

  2. Io non cancellerei nulla. Non c’è nulla di così brutto da non poter far parte della mia storia e nulla di così bello da non essere parte di essa… Un bacio mia cara ed auguri

  3. Era molto meglio prima purtroppo! Meglio non cancellare niente…che al peggio non c’è mai fine, speriamo solo di andare sempre verso il positivo, tantissimi Auguri di Buon Anno Chiara!

    • Mi piacerebbe capire se il positivo può essere universale o è solo soggettivo. Perché di certo chi ha progettato questa nuova piazza ha creduto (me lo auguro) di fare qualcosa di positivo. Ma nella realtà è davvero terribile: che occhi hanno avuto? E che criterio di giudizio?
      Buon Anno Silvia

  4. Potrei dire con facilità la malattia di mamma, però le cose sono andate bene (stanno andando che non è roba che si risolve veloce) e quindi la tengo, sì, anche quella, che qualcosa di buono è in fondo arrivato anche da lì. Un abbraccio Chiara, auguri!

    • Quando si è capaci di trovare del buono anche dalle malattie, buona parte del cammino è fatto. Purtroppo non possiamo sottrarci alle responsabilità, a quello che accade nonostante ci paia assurdo; bisogna, come scriveva sopra Dimitilla, cercare un sorriso in ogni cosa.
      un abbraccio a te, grande e uno speciale alla tua mamma.
      Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...