Mi rivedo in tv!

 

Tv Tokyo, il mio viaggio in Giappone alla scoperta della lacca Urushi e dell’arte Kintsugi.

Questa l’anteprima, il programma andrà in onda domani alle ore 20  giapponesi.
Si tratta Nipponikitaihito, un programma che invita in Giappone stranieri appassionati di cultura giapponese e fa vivere loro un soggiorno indimenticabile, un sogno, tra nuovi amici e passioni!

La pagina facebook https://www.facebook.com/whowantstocometojapangp/

Annunci

Nipponikitaihito

Cosa sono andata a fare in Giappone un mese fa? No, non sono andata in vacanza!
Sono stata INVITATA da TVTOKYO a partecipare a Nipponikitaihito, un programma dedicato alle persone che amano davvero il Giappone e che hanno imparato un’arte giapponese da soli nel proprio paese. (Come mi hanno trovata? Cercandomi nel web. )
Un settimana unica dove sono stata accudita e dove ho potuto realizzare il mio sogno: conoscere l’arte KINTSUGI. 

Ho incontrato il popolo giapponese e la sua proverbiale generosità e cordialità; ho conosciuto artisti talentuosi, umili e pronti a insegnarmi tutto il loro sapere.
Sono stati 7 giorni intensi. La mia puntata andrà in onda il 20 Agosto alle ore 20 (0ra giapponese. 13 ora italiana), per ora godetevi le presentazione!

http://www.tv-tokyo.co.jp//

Cattura

 

avvertenze: tasto destro e “traduci pagina”
Cliccate sul video e vedrete 30 secondi di presentazione…quella che vedrete sono io 😀

Limiti

Questi sono i miei piedi. Sotto di me un muro scosceso di pietre. Lo so, da qui sembra piano; da sopra no, non lo è. Non è un muro però pazzesco, non occorrono corde fisse, basta scendere piano. Con attenzione. Senza paura.

Io invece ho paura e a causa di un pesante problema al ginocchio destro, un muro scosceso per me diventa un ostacolo grande. Un limite che da sola non so superare. Un limite fisico osteggiato dalla mente diventa invalicabile.

Vicino al muro scosceso c’è un prato con una stradina. Al fondo uno scorcio stupendo di mare. La gente arriva per fare una foto, per deliziarsi del vento ma il prato ha una recinzione di filo spinato. O meglio, il prato ha il filo spinato che diventa solo un filo di ferro sottile nella stradina.

È un filo di ferro. Non una montagna, non un filo spinato. Un filo. Un filo basso. Basta alzare una gamba e si passa. Ma la gente si ferma. Arriva tranquilla al filo e si ferma. Indecisa sul da farsi. Passano pochi attimi e tutti poi scavalcano ma prima si sono fermati.

Un limite resta un limite. Un limite fisico è insuperabile senza la mente. Un limite fisico aiutato dalla mente diventa superabile.

U.mani.tà, la poesia tra le mani

In questo mondo scalcagnato sembra più difficile incontrare la bellezza e poesia nelle persone. C’è più indignazione che serenità, più corsa che riposo. C’è molta diffidenza nei volti, attese nelle parole, scontri, spesso accesi su toni opposti e mai, mai pacati. E nemmeno ci si spinge a tentare di comprendersi. Si urla e basta. 
Questo mi appare il mondo di questi tempi. E viene normale non credere, disilludersi, sottovalutare. 

Accade che le convinzioni si rovescino e così mi è successo con Jacopo Tealdi.
Ho chiesto a Jacopo, nuovo cliente a cui riparerò un prezioso oggetto con l’arte Kintsugi, di raccontarmi una storia, La storia del suo oggetto. Mi aspettavo due parole striminzite e invece mi sono trovata imbarcata per un viaggio onirico e magico. Jacopo sa usare bene le parole, le sceglie corrette e dedicate, soppesandone, senza darlo a vedere, il sapore e l’emotività.
Ma di questa storia vi racconteremo più avanti, quando il lavoro sarà iniziato e finito, quando il suo oggetto prezioso avrà un nuovo nome e una nuova, potente vita.

Oggi voglio raccontarvi del suo spettacolo. Mi sono fidata, questo ho fatto. Jacopo Tealdi, cliente da poche ore, mi ha invitata a vedere quello che a suo dire, era, è, Lo spettacolo. Uno spettacolo unico nel suo genere, nuovo, moderno, allegro, comico, poetico. Emozionante. 
E sì, mi sono fidata e no, non mi ha mentito Jacopo.

Nel buio della periferia torinese, alla Cascina Duc, con gli occhi sgranati e lucidi dell’emozione della bambina che alberga in me, lo stupore nel petto, ho assistito a un’ora e mezza di dialoghi tra le sue mani: MrPiccolino,  il Professor LuisDaimon, la soubrette diva LadyWanda, il più grande ammaestratore di papera al mondo BwlBwlKubadilisha. Personaggi velocemente cambiati, movimenti così veloci da fare dimenticare che a parlare erano mani, non vere persone. Jacopo, nel suo spettacolo “U.Mani.tà” viaggia tra ironia e divertimento, poesia ed emozione, portando i suoi spettatori in un viaggio fantastico, fino a farli diventare unicorni!

E no, non mi sono mai sentita prima un unicorno e sì, ora sì.

 

La pagina Facebook di Jacopo Tealdi Art , cercate le nuove date. 

“per le restaurazioni”

Sono restauratrice di ceramica dal 1991. Restauro secondo il metodo classico italiano, che ha due tipologie: il metodo estetico e quello conservativo.
Nel restauro estetico si nascondono le rotture completamente e l’oggetto diventa uguale a prima della rottura. s

Nel restauro conservativo le rotture vengono lasciate e si eseguono stuccature e colorazioni simili alla ceramica ma che non nascondono.

1454987_601036799944922_1182119873_n

Capite quindi che quando ho iniziato a dedicarmi all’arte Kintsugi, arte giapponese che mette in evidenza le rotture con la polvere d’oro, mi sono trovata di fronte a un modo completamente diverso di lavorare, tanto che i primi tempi cambiavo addirittura il tavolo di lavoro per riuscire a concentrarmi.

v5

Quando dopo due anni di prove spesso fallimentari, mi sono proposta per prima cosa nei gruppi di restauratori, sono stata parecchio osteggiata. La mia arte per molti di loro non è conforme al nostro modo di vedere il restauro.
Non mi sono fatta fermare, credo in quello che faccio, forse sono testarda, di sicuro coraggiosa e i risultati stanno arrivando.

Oggi leggo questo articolo de Il Fatto Quotidiano: “Firenze, l’Opificio che fa rivivere le opere d’arte di tutto il mondo che lotta per l’esistenza per l’organico quasi a metà

In breve si specifica che c’è carenza di organico, soprattutto per il restauro della terracotta. Che mancano i soldi, non certo le persone, che il bando dei restauratori fermo da anni non aiuta certo la situazione.
È un articolo triste e amaro. Per me lo è anche di più perché il giornalista chiama “le restaurazioni” i restauri e questo mette seriamente in ginocchio anche la cultura. Mi si accapona la pelle a sentire “le restaurazioni”, davvero!

Oltre a non avere più interesse per il restauro non si ha nemmeno più cultura per parlarne.

Se io avessi scelto di restare ferma sulla visione occidentale del restauro, ora forse, dopo 27 anni di attività, avrei chiuso in maniera fallimentare.
Ho invece cambiato mentalità, aperto il mio concetto di arte, mescolato la mia sapienza con quella del mondo. Non mi reputo un genio, solo ho seguito l’istinto, non sono rimasta immobile sulle mie convinzioni, ho accettato il diverso, il nuovo, la condivisione.
E ora farò di tutto per portarlo avanti con passione.
Perché questo è il nuovo mondo.

 

 

Ringraziamenti

Ho trascorso una settimana in Giappone ospite di un progetto di cui potrò raccontare più avanti, legato alla mia passione Kintsugi. Quando sono partita per questo viaggio non avevo aspettative. Sapevo nulla o poco, non conoscevo chi mi avrebbe ospitato e seguito. Non ero mai stata prima in Giappone.
Un salto nel buio mosso dalla mia passione.
Ora, dopo una settimana unica, posso dire che ho incontrato persone gentili, cordiali, accoglienti. Il popolo giapponese ha un raffinato modo poetico di creare legami, un radicato amore per le tradizioni e una gioiosa voglia di divertire e sorprendere.
Grazie a tutti per questa meravigliosa esperienza. 

Ringrazio anche chi da casa mi ha seguito, sostenuto, chi in questi anni non ha mai smesso di avere fiducia in me, nelle mia capacità. Chi ha creduto in me anche e nonostante i fallimenti, gli amici veri, quelli che mi abitano sempre. 

Ps: a settembre vi racconterò tutto e capirete perché sono ancora senza fiato e con gli occhi e il cuore completamente ricchi 
Chiara san
Tokyo, 13 luglio 2018
 

tokyo director

Wabi sabi, come lo racconto io

Il termine Wabi Sabi nella cultura giapponese ha mille declinazioni. È un concetto estetico di difficile spiegazione, racchiude in sé molte parole e sensazioni.

Wabi  significa ‘dipendenza’ e  sabi significa ‘solitudine’ o ‘distacco’

Wabi Sabi è un concetto che un Giapponese racconta con il silenzio, perché è un sentimento intimo e profondo, una rappresentazione reale di un mondo che vive del distacco delle cose, il senso dell’essenziale, scarno; wabi sabi è il colore della terra, dell’autunno; ha in sé decadenza e malinconia, frugalità e calma.

Quando conduco i miei laboratori di Kintsugi, tra le varie informazioni, mi trovo anche a cercare di spiegare il concetto wabi sabi. Mi viene sempre complicato e ogni volta uso parole diverse, termini nuovi, unisco concetti: mai una volta mi ripeto. E più cerco di spiegarlo e meno ci riesco. E più conduco corsi e meno riesco a farlo.

Ho quindi pensato che il modo migliore per raccontare wabi sabi siano le immagini. Immagini che a me hanno fatto percepire il concetto wabi sabi e che riescano a spiegarlo a chi non lo conosce.

A Lugano ho trovato un albero solitario, piantato nel giardino di un chiostro a metà tra una chiesa e un palazzo moderno. Questo è per me wabi sabi. 

36518448_10214585230616485_6115312205710753792_n