Massimo Recalcati e Lessico Amoroso: la metafora del Kintsugi va bene, ma raccontiamolo corretto.

Siete stati in tanti a mandarmi il link o anche solo la suggestione del programma su Rai3 “Lessico Amoroso” condotto da Massimo Recalcati  dedicata al perdono.
Al minuto 24 circa, lo psicoanalista parla di Kintsugi ed è per questo che molti mi hanno pensato: sono felice, ma vi chiedo anche scusa se, a furia di parlarne, ho condizionato anche voi.
Su vostro consiglio ho quindi visto la puntata del programma che non avevo mai visto prima e nemmeno conoscevo Recalcati. Lo psicanalista affronta temi generali con il pubblico in sala, argomentandoli con clip video e immagini: il tema della scorsa puntata era il perdono. Perdono inteso come atto del ricucire una ferita, dell’affrontare un tradimento nella coppia e superarlo. 

E il Kintsugi cosa c’entra? 

Devo dirvi che ultimamente  il Kintsugi è come il prezzemolo, si usa su tutto,  si usa per tutto, occorre solo avere una ferita e poi far volare la metafora piegandola secondo il proprio sentire. Tutto corretto? Sì, ognuno è libero di interpretare l’arte Kintsugi, ma se si vuole parlarne occorre farlo senza errori.
E Massimo Recalcati di errori ne ha fatti parecchi e visto che mi scrivete per avvertirmi di notizie sul Kintsugi, mi sento di mettere ordine.

Ecco alcuni errori della puntata (ai quali sarebbe bastato un piccolo approfondimento per evitarli)

-Kintsugi (kin: oro – tsugi: riparare) si pronuncia Kintsughi e non Kintsugi 

– La tecnica tradizionale giapponese Kintsugi utilizza lacca urushi; nella clip video dietro a Recalcati la tecnica è quella moderna con resina epossidica, corretta ma non dal punto di vista culturale.

“La storia racconta che un ricco mandarino…” così inizia il conduttore, inventando di sana pianta una storia. Inoltre i mandarini sono cinesi, la tecnica Kintsugi è giapponese. 

“L’oggetto prezioso è stato riparato da un vecchio artigiano”, prosegue Recalcati. Questo non è un errore storico/tecnico ma di visione: chi lo ha detto che l’artigiano debba essere per forza vecchio? È questa una pregiudiziale dura a morire, a cui anch’io, all’inizio, ho dovuto sottostare: se sei giovane, non conti.

Le dipinge con oro”!
No Recalcati, no Rai3, NO! Il Kintsugi si realizza posando polvere d’oro su stuccatura realizzata con lacca urushi e finitura a pennello di lacca rossa. Polvere d’oro, non pittura d’oro.

Lo so, è la metafora quella su cui è stato messo l’accento, ma se la base da cui si parte è errata, siamo sicuri che la metafora avrà lo stesso valore?

Patena_bose_kintsugi_chiaraarte.jpg

La fragilità è un dono, il modo in cui possiamo romperci per ricomporci.

 

Link utili
Lessico Amoroso, la puntata “Il perdono”
Massimo Recalcati, psicoanalista 

Annunci

“Chi vuole venire in Giappone?”

A luglio del 2018 sono stata invitata da Tv Tokyo a partecipare al programma televisivo “Who Wants to Come to Japan 世界ニッポン行きたい人応援団”, un’esperienza unica, magnifica, indimenticabile, dove ho potuto apprendere l’arte Kintsugi.

Questo il breve riassunto che oggi la tv giapponese ha dedicato alla mia esperienza

“Il 20 agosto abbiamo invitato la signora Chiara, da Biella, Italia. Si è interessata al “kintsugi” (riparazione con l’oro), l’arte di riparare ceramiche rotte applicando oro, argento o lacca ricoperta con polvere d’oro alla ceramica, unendo i pezzi assieme senza nascondere le sue “cicatrici”.
Avendo studiato per conto suo in Italia, l’abbiamo invitata in Giappone per approfondire i suoi studi imparando da un maestro.
Benvenuta in Giappone!

Al suo arrivo, è andata da Shitsugeisya Heiando, a Kyoto. Ha incontrato l’artista della lacca, il signor Hiroki Kiyokawa, che è attivo nel restauro da più di 40 anni. Le è stato concesso l’accesso al laboratorio del signor Kiyokawa, un luogo normalmente non aperto al pubblico. Ha ricevuto il permesso speciale di osservare il processo di riparazione. Dopo aver osservato i suoi lavori kintsugi, il signor Kiyokawa le ha dato consigli su come migliorare il suo lavoro.

160kyoto2
Il giorno dopo sono andati al tempio Honpoji, della Setta Nichiren. Ha incontrato il 96esimo Alto Sacerdote, il signor Segawa. Lui le ha mostrato una ciotola per il riso per il cui restauro ha impiegato 6 mesi. Lei è rimasta così meravigliata dalla bellezza della ciotola da restare “senza fiato”.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Quindi è andata nella città di Daigo nella prefettura di Ibaraki, ben conosciuta per la produzione della migliore lacca del Paese. Ha incontrato un artigiano molto capace con oltre 60 anni d’esperienza, il signor Yuzou Tobita (presidente della Lacquer Preservation Society). Hanno esplorato la foresta di oltre 1600 alberi per individuare l’albero con il migliore urushi, o linfa, per la laccatura. Insieme hanno inciso l’albero della lacca per raccogliere l’urushi. Per trasformare l’urushi nella forma utile alla laccatura si rimuovono le impurità, lo si mescola, lo si espone al sole, e così via.

daigo_chiararte

Macisko san, Io e Tobita san 

Il membro della Lacquer Preservation Society ha preparato una cena di benvenuto per lei. La cena era composta da numerose specialità locali di Daigo Town, sake e soba locali, prodotti da grano saraceno coltivato dallo stesso signor Tobita. È stata la toccante conclusione di un’esperienza magnifica.

20180712_193243
Congratulazioni!!
Canditati adesso! Ottieni una possibilità! Puoi essere il prossimo vincitore.”

 

 

 

Fuorisalone 2018

Il Fuorisalone di Milano, evento legato al Salone del Mobile che si tiene a Rho fiera, non mi delude mai. Sono ormai diversi anni che lo frequento e ogni anno torno a casa ricca di intenti, di creatività aggiunta, consapevole che abbiamo davvero tanto da dare, da condividere, che sì, è vero, c’è la crisi, la guerra, la fatica, ma c’è anche tanta bellezza.
Ed è da questa bellezza che voglio ripartire, ogni volta.

Quest’anno il Fuorisalone di Milano mi ha vista per la prima volta protagonista. Un ruolo piccolo ma importante per me e per il messaggio che con la mia opera ho trasmesso.

Collocato da BASE, nell’installazione di CNA, curata da Sarah Spinelli, lo scolapasta di Contemporaneamente700 restaurato da me con la tecnica giapponese Kintsugi, racconta il re-design e la nostra capacità al cambiamento.

Ventura, Tortona, Brera, Corso Venezia, Centro, vi lascio alcune immagini di quello che è il Fuorisalone, l’interesse per il design, per l’oggetto e per il digitale: una forma di sviluppo emozionale e attivo al quale è difficile sottrarsi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

“Vita sommersa” -Mostra Personale d’arte di Claudia Strà

L’arte è incontro d’anime e creatività.

Un mese fa ho incontrato Claudia Strà, artista, pittrice, ceramista, che ieri ha inaugurato una personale, “Vita sommersa” presso  la Galleria d’Arte Contemporanea STATUTO13, in Via Statuto, 13 (corte interna) a Milano, Brera District.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le opere di Claudia raccontano leggerezza e profondità, ampi spazi ricchi di sentimento. I colori sono eterei, pennellate soffici, i pensieri paiono volare di fronte agli azzurri accesi, ai verdi nascosti, al bianco che traspare, come una poesia impressa sulla tela.
Quando ho conosciuto Claudia, la sua dolcezza, il modo sereno di fare, mi ero immaginata così le sue opere, perché molto spesso siamo quello che raccontiamo.

Claudia_Stra_chiararte_kintsugi1

Questa è l’opera di Claudia Strà, “Potessi parlarti stasera”.
In ceramica un asciugamano ricamato dalla mamma di Claudia, un gomitolo a rappresentare l’intreccio della vita e una farfalla, che è simbolo di rinascita, di eternità.

La farfalla sul gomitolo prima della mostra si è rotta, un’ala spezzata. Claudia mi ha contattata per un restauro Kintsugi ed ecco che ora rappresenta non solo la rinascita ma anche la bellezza della fragilità.

kintsugi chiararte claudia stra

La mostra sarà aperta sino al 20 Marzo.

Il blog di Claudia Strà