Il web

In questi giorni mi sta passando per la mente una riflessione sul web, sul suo valore. Su quello che accade e che in questi anni ho visto accadere.
Ho iniziato aprendo un profilo Facebook privatissimo, dedicato solo agli amici più stretti, con un timore esagerato per qualsiasi nuova e sconosciuta amicizia. Il primo amico Facebook, che ancora annovero tra le mie speciali amicizie, ha sdoganato la possibilità di avere rapporti virtuali che non fossero pericolosi ma importanti.
Ho inziato a seguire alcuni corsi gratuiti su come gestire il proprio personal branding (ovvero la propria figura online), ho conosciuto influencer come Domitilla Ferrari, figure che hanno fatto del web la loro vita e che hanno dedicato tempo alla formazione degli altri. Ho imparato, mi sono applicata, ho studiato, aperto sito, pagina facebook, blog, instagram, cambiato fotografie, decisa una linea editoriale.
Sono approdata anche su tinder, netlog, ma ho capito subito che andarmene era la cosa migliore.
Non sono state tutte rose e fiori, qualche cretina di passaggio c’è stata, gente che con arroganza ha tentato di spazzare via la mia figura, la mia persona. E io, un po’, ci sono cascata, ho chiuso, difeso, ho protetto il lavoro fatto, la paura di perdere la credibilità, il sonno. Poi si sa, e sono anche diretta nel dirlo, gli stronzi come escono così se ne vanno, e mai con la corona, piuttosto con la coda tra le gambe.

Ora che ho raggiunto una certa stabilità virtuale (per quanto, non saprei, arriverà qualcun altro a rompere la palle? Forse sì, ma sono sicuramente più pronta a bloccarlo che anni fa), ora che so gestire i miei account, ascolto, leggo molto, guardo.
Ma quello che trovo è un mondo diverso di qualche anno fa.
I testi sono sempre più brevi, un testo come questo verrà letto per intero da pochissimi o nessuno; e forse anch’io, davanti a un testo così, passerei veloce. Una piattaforma come WordPress che fino a solo un anno fa proponeva contenuti importanti, ora è diventata simile a Facebook, con post di buongiorno e buonasera. Con questo non giudico chi lo fa, ci mancherebbe, constato solo che c’è stato un cambiamento importante nei contenuti, con un’asticella tesa al ribasso.

Facebook è un mezzo; se usato come tale funziona e si può arrivare in tutto il mondo (se si ha accortezza di lasciare il profilo aperto). Nella realtà pochi lo usano così, per la maggior parte è una mangiatoia di schifezze da rivomitare senza ragionarci, uno spazio d’odio e presunzione dove Io è meglio degli altri, dove la condivisione forzata di post senza rilettura porta a generare enormità di fake news che generano altro odio e ancora menzogne e insulti. Non se ne esce. Alle volte per precisa volontà, mi fermo a leggere i commenti sotto a qualche notizia su immigrati, donne, religione: mi stupisco sempre di quanta macabra fantasia abbiano le persone e di come possano incolpare ipotetici -altri- di cose nefande, con epiteti di ogni genere e razza. Mi indispongo, mi arrabbio, ma leggo per farmi una precisa idea di quello che sta accandendo a noi, agli essere umani, al genere umano, la deriva violenta che sta prendendo, una deriva sgrammatica, scorretta, analfabeta.

Instagram è una vetrina, belle immagini in mostra, senza l’imbarazzo di testi o strane fantasie. Peccato che l’avvento delle stories abbia regalato un trono e una corona a tutti, proprio a tutti. 15 secondi e si comincia a raccontarsi, ma non bastano 15 secondi, una storia, due, tre, dieci, di 15 secondi in secondi di parole, consigli, presunzioni, condanne, chi propone il proprio brand, chi la propria persona, chi vende un prodotto, chi semplicemente racconta la sua cena/serata/giornata con l’augurio di piacere e di tante, tante visualizzazioni. Una gara, nessuno esente. Una catena, si parte così: un influencer (ovvero chi ha tanti fans, veri o presunti, non conta, basta siano scritti) propone un prodotto. Schiere di donne (già, purtroppo quasi solo donne) corrono ad acquistare quel prodotto, ore di fila, server giù, donne insteriche, sveglie puntate nel cuore della notte pur di accaparrarsi il prodotto -dei propri sogni?-; e dopo aver fatto l’acquisto ecco la corsa a pubblicare una storia con quel prodotto, con il tag perfetto. Che arriva all’influencer che, a caso credo, condivide quella storia sulle sue storie. Una catena, un giro vuoto, dove gli influencer, i primi, guadagnano, le altre, le acquirenti, sbavano.

Un mondo finto. Vuoto.
A questo siamo destinati? Abbiamo visto nascere e crescere una figata di possibilità di entrare nel mondo e ora questa possibilità si riduce al desiderio di fan, follow, like?

Troppe volte mi prende di chiudere tutto. Di tornare alla carta.
Ma sono consapevole che non si può, che mi taglierei fuori del tutto dal mercato, quel mercato a cui io sono arrivata proprio per merito del web. Non posso sputare sulla terra sulla quale ho seminato semi che hanno germogliato e stanno crescendo rigogliosi. Ma non posso nemmeno far finta che non esista tutto il resto, la parte nera delle persone, l’uso indiscriminato del web. La finzione, la pattumiera che naviga tra le pagine.

Quindi resto, anche in questo nuovo 2019. Resto e provo, dal canto mio, di portare avanti il mio viso, in prima persona, il mio lavoro, con determinazione. E tutto l’amore che posso tra le mani.

Annunci

Mail, WhatsApp, Facebook, ecc..

Dove è meglio farsi trovare dai clienti? Sì, ho scritto clienti, non creditori, da loro meglio mai farsi trovare 🙂

Questa mattina ho pubblicato sul blog della Rete al Femminile di Biella, con il quale collaboro da anni, le mie considerazioni personali sui modi per farsi contattare dai clienti in maniera virtuale.
Vi avverto che amo le mail, detesto whatsApp, Facebook ma con moderazione, Linkedin spesso mi dimentico esista e Instagram: lo sapevate che ha una messaggeria? Io l’ho scoperto il giorno in cui ho ricevuto un messaggio e ci ho messo tipo mezzora a capire come rispondere.
Ma si sa, ho i miei 27 anni di attività e 50 di età e la dinamicità tende a infeltrirsi.

Qui trovate tutto il post, ben scritto e corretto , nel blog della Rete al Femminile Biella. 

E voi cosa fate? Amate i gruppi whatsapp o li considerate come me la luna nera?

luna-nera

pS. Nel post della Rete parlo della mia intervista “La restauratrice Social”
Per chi volesse leggerla, qui il link 

io (Copia)

Di progetti, lavoro. E di Kintsugi.

Conoscete tutti l’arte Kintsugi, vero? La mia arte Kintsugi, intendo.
Ve ne sto parlando da diversi anni, è diventato il mio cambiamento, il mio ponte per andare oltre, un nuovo stato lavorativo e di conseguenza, mentale.
Da restauratrice ad artista, da occidente a oriente, dalla capacità di saper mimetizzare un restauro alla capacità di metterlo in evidenza con la polvere d’oro.
Quanti, quanti passaggi, quanto lavoro, quante ore passate a progettare, tante! Ore trascorse a cercare il modo per raccontarmi.

Oggi ho scritto un post nel Blog della Rete al Femminile di Biella (un gran bel luogo dove c’è tanto da imparare e condividere) che parla del mio progetto Kintsugi, di come sto lavorando per farlo uscire dalle quattro pareti del mio laboratorio. E presto racconterò anche i risultati.

Qualche consiglio per presentare un progetto a nuovi clienti. (qui il link diretto) 

Avete altre idee anche voi su come catapultarsi nel magico mondo al di fuori di qui e raggiungere il cliente ideale? Ne ho sempre bisogno.

Brevimano. E se scopri di essere artigiano?

Brevimano. E se scopri di essere artigiano?
Già: e se scopri di essere artigiano nel 2017? Nel mondo della fretta, della riproduzione seriale, digitale, nell’epoca dei social network, della comunicazione spinta?
C’è ancora spazio per la passione?

“Cos’è Brevimano?
Brevimano facilita la ricerca e l’offerta di lavoro artigianale, con l’obiettivo di rilanciare l’occupazione giovanile e l’immagine dell’artigianato italiano.”

Brevimano è una piattaforma online tesa a mettere in comunicazioni gli artigiani e i giovani che sentono la passione per imparare un mestiere. È un luogo di condivisione, un luogo dove mostrare la realtà del lavoro, la fatica e la dedizione.

La mani sono il cardine da cui tutto parte e su cui tutto ruota. Brevimano ha aperto un profilo Instagram di mani, mani spesso sporche, callose, ma mani felici.
Sì, perché leggendo i profili degli artigiani, si intuisce la felicità di aver potuto scegliere un lavoro gratificante, spesso dopo altre scelte non fortunate.
All’artigianato si arriva e difficilmente di riparte via.

Oggi le mie mani sono sul diario Instagram delle mani 

E sulla pagina Facebook la mia storia
Quando prendo in mano un oggetto da restaurare lascio che mi racconti la sua storia. Lo osservo, ne scruto i colori, la forma, le sue imperfezioni, il solco della passione dell’artigiano che l’ha creato, la vita depositata da chi l’ha posseduto.
Io di mestiere faccio la restauratrice e mi trovo spesso a confrontarmi con i ricordi dei clienti. Gli oggetti che mi portano a restaurare hanno delle storie da narrare e il sapere che sarò io a ricomporle mi dà un potere e una responsabilità molto grande. È per questo che ho deciso di imparare la tecnica Kintsugi che ripara con l’oro le rotture e le evidenzia, rendendo unica la fragilità.
Ogni giorno è una storia nuova, un viaggio affascinante tra le pareti del mio laboratorio.

Informazioni utili 
La pagina Facebook di Brevimano https://www.facebook.com/brevimano
Il profilo Instagram delle mani https://www.instagram.com/brevimano/
Il sito di Brevimano https://www.brevimano.it/

Di quiete e armonia

5296_toshi

Spostando il baricentro, non sempre, lo so, ottieni una visuale differente.
Alleggerendo i pensieri, tolti i decori superficiali e gli spigoli, si riversa l’armonia tra gli occhi. E nelle case.

Quiete e armonia, di questo alle volte si ha bisogno.

Foto 5296_toshi, profilo Instagram 
https://www.instagram.com/p/BNG3_YWhWrQ/?taken-by=5296_toshi

#innamoratadellacalabria

Quest’estate sono stata in vacanza in Calabria, una terra che amo molto, forse perché in parte mi riconosco.
La Calabria è una terra aspra, dura, a tratti ostile; le montagne sono irte, i boschi fitti, nidi di ladri e di piromani, culla di poesia e arte. Il mare la costeggia, accarezzandola dolcemente, a volte, sferzandola con violenza altre. Ovunque si guardi si vede la natura sporgersi sulle case, impossessarsi delle radici, in un continuo ritorno al passato, spinti verso il presente.
I paesi sono sperduti, solitari, abbandonati, spesso, ma anche vissuti profondamente da quell’emigrare e tornare, ogni anno, un orologio che non si spegne, la terra che chiama i suoi figli a raccolta, il sangue che pulsa forte solo quando ricongiunto.
La fede è viva, la fede è potente, scalza, è passione mai doma, è il lento cantilenare delle processioni, le statue ricamate, il mare che non perdona, i figli che non tornano più, le madri chine nella preghiera.

La Calabria è una terra che amo, così come la terra dove vivo, il Biellese. Per omaggiare la mia provincia lo scorso anno ho partecipato a #innamoratidelbiellese, una settimana personale di scatti fotografici di dettagli e panorami. (qui il link del progetto) 

Quest’anno ho rivolto il mio cuore alla Calabria, con alcuni scatti che la raccontano da par mio, con i miei occhi, le cose che vedo e sento quando la sfioro, quando mi accompagna nei miei giorni, quando mi resta vicino accanto al mio sonno: #innamoratadellacalabria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La felicità è un fatto intimo #1

Prealpi biellesi #innamoratadelbiellese

Prealpi biellesi
#innamoratadelbiellese

Ecco perché resto, l’azzurro del cielo pigiato nelle tasche
-non è un anello che fa fedeltà-
Ogni volta che ti sfioro, mi innamoro di te.

Chiara