Rispetto

chiararte

In un giorno come questo dove tutti sanno e dicono
io scelgo di essere me in silenzio.

Chiara 

E il mio

Quando i nostri corpi s’incontrano, nell’estasi liquida dei sensi, non conta sia notte o giorno. S’annulla il tempo nella danza orgiastica delle mani, orgasmi ricamati sui bordi delle lenzuola, i capelli sfatti ridipinti sui cuscini.
Verrà il tempo del rendere conto, il passo di fronte al nulla eterno e se dovrò dire ciò che mi mosse, non troverò parole se non cantando la tua gloria.
Il tuo amore.

E il mio.

Chiara

Lontani vicini

Ci sono tratti di noi che sono indistinguibili e uno tra tutti è che siamo esseri umani.
Esseri umani da nord a sud, accomunati spesso dalle stesse paure, gioie, ansie, dolori.

Giuseppe Pidello e Maurizio Pellegrini hanno realizzato nel 2009 il video “Lontani vicini” da un’idea di Alberto Zola. Il video, promosso e finanziato dalla città di Biella e prodotto dall’Ecomuseo ValleElvoSerra e VideoAstolfosullaluna, racconta la storia di due paesi, Netro e Riace, il primo in Piemonte, nel biellese e il secondo in Calabria, nella Locride.
Due paesi che si stanno spopolando lentamente, i suoi abitanti spinti ad emigrare per mancanza di lavoro, le case abitate solo da anziani, che vivono di ricordi.

Calabria e Piemonte, Reggio e Biella: abito a Biella e qui sono nata e conosco bene le vie di Netro. La vita poi mi ha portato da qualche anno a frequentare anche la Calabria, non solo i luoghi ma anche e soprattutto le persone. E ritrovo i dialetti, gli scenari, rivivo sentimenti e affetti profondi che si sono costruiti.

Oggi il sindaco di Riace, Domenico Lucano, è stato inserito nella lista dei 50 uomini più influenti al mondo; in “Lontani vicini”racconta di come ha aperto le porte delle case disabitate ai migranti, soprattutto pakistani facendo tornare a vivere il paese, nell’integrazione che diventa normalità.
Voglio quindi invitarvi a vedere il video “Lontani vicini” notando i due luoghi, Netro e Riace che paiono così lontani, ma che sono così vicini.

“Riace, paese della Locride, in Calabria, e Netro, paese del Biellese, in Piemonte: due terre lontane nei luoghi ma vicine nel vissuto degli abitanti, dove il passato di chi è rimasto incontra il futuro di chi è partito.
Un incontro dal quale può nascere una nuova storia.

Questo film nasce nell’ambito del progetto “Montagne di Pace – Luoghi simbolici di una natura che non si rassegna alla guerra”, avviato nel 2004 e coordinato dalla Città di Trento.
L’invito, rivolto principalmente alle città della “Comunità di lavoro Città delle Alpi”, era quello di stabilire rapporti con luoghi tragicamente toccati dalle guerre e dalla violenza nelle sue diverse forme, allo scopo di sviluppare relazioni di scambio e di conoscenza durevoli quali occasioni di crescita reciproca.
I comuni di Biella e di Riace hanno interpretato il tema del progetto attraverso un documentario che restituisce voce agli abitanti, nella consapevolezza che la parola
delle genti non possa essere altro che parola di pace.”

Chiara 

Il volto

Talvolta mi imbatto -sbatto- nella vita, nelle faccende, nei gorghi, storti, morti, affaticati e lisi.
Mi faccio domande
Faccio domande
Attendo risposte che non arrivano mai, inquieta solitudine dell’ignoranza.
Vedo, disvelo, ricopro, insabbio la testa, spazzolo il cuore, l’amore, il gesto lento del desiderio, l’essenza dei tuoi baci, il tempo nullo di un tramonto sbiadito.
Sto
E non so mai dove girare la testa per ricominciare il cammino.

Fosse almeno più facile venire verso di te.

Chiara

Nascosti dietro alle parole

Mi basta che sia tu ad amarmi.

Chiara

L’amore non si cerca. L’amore si fa.

Anni fa, preistoria, un carissimo amico mi diede questa foto. Amante dei fiori, aveva ottenuto l’effetto velato mettendo una calza collant davanti all’obiettivo.IMG_20160216_122733

Oggi basta un semplice programma sul computer o sul telefono, per ottenere luminosità, colore, cornici, effetti speciali. Sfocature, come in questa mia foto. chiara

Quello che non cambia è l’amore che c’è dentro, visibile tra i petali ed il profumo, nell’incresparsi lento del velluto, tra le trame infinite dei colori e le righe non scritte di un dono.
L’amore non si cerca. L’amore si fa.

Chiara

“La musica siamo noi” Ezio Bosso

Questo è il modo per diventare umani, quando lo dimentichiamo.

“Il mondo ha bisogno della musica?”
“Sì, perché la musica siamo noi. La musica è una fortuna che condividiamo, che ci è arrivata e ci ha cercato. Noi mettiamo le mani ma ci insegna la cosa più importante che esista: ascoltare.”

“Dove trovi tutta questa energia?
“La musica è una vera magia. Infatti non a caso i direttori hanno la bacchetta. La musica è una fortuna e come diceva il Maestro Claudio Abbado, la musica è una terapia.”

“Noi uomini siamo bui, tendiamo a dare per scontate le cose belle.”

“Ricordatevi una cosa. La musica, come la vita, si può fare in un solo modo: insieme.”

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-306e05f7-a102-42fb-bf8b-dfeca642a88c.html

 

Chiara