Kintsugi, il libro, ora anche in inglese

L’interesse che l’arte Kintsugi sta riscuotendo è importante. In Italia passa il messaggio, la metafora che la rottura colmata con la polvere d’oro porta con sé, una metafora di vita, di ferite rimarginate, di anime a pezzi e ricostruite. La curiosità quindi legata al mio breve saggio “Kintsugi, l’arte di riparare con l’oro” è molta e di questo non posso che esserne contenta. Il libro è un piccolo assaggio conoscitivo e sto lavorando alla seconda edizione, più completa e dettagliata che potrebbe uscire già all’inizio del nuovo anno.

In America e nel nord Europa è conosciuta da più tempo, c’è maggiore attenzione al punto che vengo spesso contattata per informazioni, curiosità su tecnica e filosofia. Ho quindi sentito la necessità di tradurre il testo. Ho optato per una persona competente che ha al suo attivo altre traduzioni: il mio testo è tecnico in alcune parti e una buona traduzione è il primo passo per avere un buon riscontro. Ho imparato infatti che la traduzione è una nuova veste del libro, una riscrittura e il tono del traduttore diventa primario sul tono dello scrittore: conviene quindi affidarsi a mani esperte.

Ecco quindi che dopo la versione cartacea ed ebook italiana, da pochi giorni sono presenti la versione paperback ed ebook in inglese, in vendita su Amazon.

Kintsugi, the art of repairing with gold,  ebook 

Kintsugi, the art of reparing with gold, paperback 

Annunci

L’amore ha una forma densa

Certe sere l’amore ha una forma densa, esce dal cuore e lo puoi toccare. È una parola detta, una notizia inaspettata, il vago contorno sconosciuto della felicità. Ci si riconosce dentro, nelle parti molli del cuore, sbattuti da venti imprevedibili e sconfinati, quando la sera fa buio e le confidenze si fanno sottovoce, sotto le coperte, con un alito di fiato che non spegne una candela, figuriamoci la vita.

Certe sere le cose accadono perfette e non puoi farci nulla, sono lì che accadono per te.

C’è sempre qualcuno che

C’è sempre qualcuno che la sa meglio di te, la conosce prima di te, la conosce intera, intendo la verità.

C’è sempre qualcuno che ha le spalle più grandi delle tue, o più piccole, dipende da come ti esponi; che ha le caviglie più sottili, il seno più sodo, piccolo, tondo, la pancia senza cellulite, il trucco perfetto, c’è sempre qualcuno pronto per una sfilata, con l’abito di Fendi e le scarpe del supermercato, vestito meglio, con più accessori, più colori, più fiori, più righe e nastri.

C’è sempre qualcuno che sa scrivere meglio di te, sa declamare poesie meglio te, rifinire, lavorare, parlare in pubblico, in privato, che sa mangiare meglio di te, cucinare come un chef stellato, addobbare il tavolo, le sedie, il giardino, la camera da letto. C’è sempre qualcuno che ama meglio di te.

C’è e c’è sempre stato e sempre ci sarà, ma c’è anche il modo per non incaponirsi, sfuggirsi, invidiare, farsi la bile, il pancreas e il fegato amaro: c’è da guardare, alle volte imparare, altre dimenticare, altre ancora far finta di nulla.

E prima di tutto c’è da essere sé.

Fuorisalone 2018

Il Fuorisalone di Milano, evento legato al Salone del Mobile che si tiene a Rho fiera, non mi delude mai. Sono ormai diversi anni che lo frequento e ogni anno torno a casa ricca di intenti, di creatività aggiunta, consapevole che abbiamo davvero tanto da dare, da condividere, che sì, è vero, c’è la crisi, la guerra, la fatica, ma c’è anche tanta bellezza.
Ed è da questa bellezza che voglio ripartire, ogni volta.

Quest’anno il Fuorisalone di Milano mi ha vista per la prima volta protagonista. Un ruolo piccolo ma importante per me e per il messaggio che con la mia opera ho trasmesso.

Collocato da BASE, nell’installazione di CNA, curata da Sarah Spinelli, lo scolapasta di Contemporaneamente700 restaurato da me con la tecnica giapponese Kintsugi, racconta il re-design e la nostra capacità al cambiamento.

Ventura, Tortona, Brera, Corso Venezia, Centro, vi lascio alcune immagini di quello che è il Fuorisalone, l’interesse per il design, per l’oggetto e per il digitale: una forma di sviluppo emozionale e attivo al quale è difficile sottrarsi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Uno spicchio di cielo

Vaso Kint doratura finito

È uno spicchio di cielo, il luminoso ardire di declivi assolati, la pietra d’angolo della nostra relazione. È un graffito al muro, la pittura d’oro dell’amanuense, lo scrivere fitto della notte solcato da un sogno improvviso, le tue mani sulle mie, lo scendere ripido della montagna, il nero della pece, il segno che lasci tu.

È un lavoro che arricchisce l’arte Kintsugi, mi porta a conoscere ceramisti e le loro vite narrate attraverso la terra e le loro mani. Amo la mia passione, incontro il cielo e ne invento storie meravigliose.
Chiara 

Vaso in ceramica di Ptičkart – Ars Vascellari
Rottura, opera Kintsugi di Chiara Lorenzetti, Chiarartè

 

Kintsugi su My Zen Manager e VO+

“Ora posso divulgare”. Così avevo pensato qualche mese fa, quando ho deciso di partire con workshop di Kintsugi. Ci sono tante, troppe imperfezioni e veri errori su questa tecnica che, dopo averla studiata approfonditamente, ho pensato fosse giusto raccontarla.
Non pensavo però suscitasse così tanto interesse e ora sono onorata, sorpresa, felice, di leggere quanto la mia arte stia entrando a far parte della nostra cultura.

A riprova di ciò, vi lascio due interessanti articoli usciti questa settimana.
VO+ è una rivista che si occupa di gioielli e lifestyle; My Zen Manager è il blog di Carolina Masieri che propone servizi di consulenza lavorativa.

Kintsugi: The Gold That Repairs And Embellishes (VO+)

Kintsugi_chiaraarte

Foto Fabio Bastante

A meeting with Chiara Lorenzetti, professional restorer, who has chosen to study, practice and divulge the art of Kintsugi in Italy

 

Lo Zen e l’arte di affrontare l’imprevisto (My Zen Manager) 

yobitsugi_chiaraarte

Yobitsugi Foto Fabio Bastante

Nessun metodo di organizzazione e gestione del tempo ti renderà immune agli imprevisti. Ci sono eventi che accadono fuori dal tuo controllo, è inevitabile, è una certezza della vita e ci sono ben poche cose che puoi fare. (continua qui…) 

Milano ha le rondini in cielo.

Milano mi accoglie con le rondini in cielo. Volano tra fili intrecciati, un garbuglio a quadri di immagini ed emozioni.

Milano è una storia da raccontare, la fede delle relazioni, lo stringersi degli occhi al sole, o racchiusi, gelatinosi, tra le nebbie.

Milano è il conservarsi di un desiderio, il discorrere lontano di mia madre; Milano è un abbraccio finito e uno da cominciare.

Milano è un filo dorato, il riverbero delle vene delle mie mani, il sudore acre della fatica; Milano è l’amore che non dico e quello che sai, il benedire di una mano.

Milano è l’ardire del suo vestito, il respiro appagato della notte, le urla, i pianti, l’indifferenza; Milano è l’adesso che mi appartiene.

Milano è una rondine che dipinge il cielo.