Vanessa Ferrari, il mito

Eh sì, Vanessa Ferrari è un mito, il mio. Ho due figli che per parecchi anni della loro vita hanno praticato ginnastica artistica a livello agonistico: conosco la fatica, il dolore, la determinazione, la forza, la paura, il coraggio e la vittoria. Il mondo della ginnastica artistica è un mondo duro, non che gli altri non lo siano, ma la ginnastica lo è di più.

Vanessa Ferrari e Chiara

Avere incontrato Vanessa come membro del Toyota Team è stata per me una grandissima soddisfazione personale, avendola sempre seguita in gara, così come, purtroppo, nei suoi numerosi infortuni. Infortuni da cui Vanessa si è sempre rialzata ed è su questi infortuni, l’ultimo, il peggiore, la rottura del tendine di Achille, che ruota l’episodio di The Unbreakable. E sono proprio le sue storie che mi hanno dato speranza.


Poco prima di incontrarla, l’8 gennaio 2020, ero parecchio afflitta da un dolore al ginocchio che da tanti anni mi perseguita, un problema molto grave che ha compromesso in parte la mia mobilità. Ogni tanto cado in una sorta di vortice negativo, non ho più voglia di muovermi, non perdo le speranze, ma semplicemente mi adagio, mi impigrisco, mi ripeto che non c’è nulla da fare e mi fermo.
Per prepararmi all’incontro, così come ho fatto con tutti gli atleti, ho letto la sua storia, gli incidenti, ricordate quando durante una gara si ruppe il tendine d’Achille? (guarda il video) Ho pianto quando l’ho visto, ma poi ho pensato: Vanessa si sta preparando per le olimpiadi di Tokyo 2020, lei ce l’ha fatta con un danno così grande, torna in pedana e io? Perché io non possa farcela?
Ho cercato un programma di fitness online; da allora quasi ogni sera mi alleno, il mio quadricipite ha ripreso cm, non tanti, ma lo controllo. Piccole cose, grandi risultati emotivi.

L’8 gennaio faceva freddo, partenza da Milano presto per essere a Brescia alle 8, -5 e la galaverna, ma l’entusiasmo ha superato tutto.
Porto a casa gli amici incontrati, l’autografo sul body di mia figlia Francesca, sentimenti forti ad ascoltare la storia di Vanessa, la consapevolezza, dopo tre episodi girati, che questo progetto è davvero unico e speciale e io sono davvero fiera di esserne parte.
Io, con il mio restauro Kintsugi che narra le rotture guarite, impreziosite d’oro.

Segui l’intera storia su Kintsugi Chiaraarte