Il tempo della lacca Urushi

Poter andare alla radice di una passione, scavare fino al nocciolo profondo, è una grande fortuna. E una preziosa opportunità.
Durante il mio viaggio in Giappone sono stata invitata a visitare Daigo, zona agricola dove si coltiva la pianta Rhus Verniciflua da cui si estrae la lacca Urushi. E ho imparato più di quanto immaginassi. Toccare con mano un’arte, sperimentarne la fatica, ha reso ancora più bello il mio lavorare.
Ora, ogni volta che apro un tubetto di lacca per preparare la colla, lo stucco, la vernice per applicare la polvere d’oro, sento la potenza e la forza di un prodotto naturale che nasce dalla terra e che l’uomo ha saputo scoprire e usare per fini eccelsi. 

urushi_daigo

Vi ho raccontato che l’estrazione della lacca è faticosa e poco produttiva. 
Vi ho raccontato di come la lacca sia allergizzante 

Quante caratteristiche ha la lacca Urushi?
Oggi vi racconto che è così preziosa che deve essere accudita, rispettando i suoi tempi. 

Una volta estratta e filtrata, la lacca viene usata per proteggere, abbellire e impermeabilizzare oggetti in legno o cartapesta. I risultati sono prodotti lucenti e duraturi.

Per arrivare a questo risultato tanti sono i passaggi e tante le pause e sono di queste che voglio raccontarvi.
I primi ad accorgersi della bellezza della lacca furono i giapponesi, nel periodo Jomon, vale a dire circa 5.500 anni fa. Scoprirono che la lacca induriva lasciandola nei campi dove la estraevano, vicino ai fiumi, in ambienti molto umidi e caldi.
E così, nel tempo, vennero costruiti dei contenitori chiamati “muro” dove riporre gli oggetti laccati riproducendo le stesse condizioni ambientali, con temperature dai 22° ai 25° e umidità tra 60% e 80%; contenitore che ancora oggi si usa, sia in formato artigianale che semi industriale.

La lacca. La lacca con le sue caratteristiche, la lacca lucida, forte, impermeabile. La lacca protettiva. La lacca che ha bisogno di noi. Sembra quasi impossibile ma è così.
La lacca da sola, lasciata su di un tavolo, non indurisce perfettamente. Ha bisogno di tempo.
Tra una mano e l’altra deve passare almeno una settimana dentro al muro. Le fasi si dilatano, passano mesi per realizzare un’opera, mesi per restaurare un lavoro con l’arte Kintsugi che si nutre di lacca Urushi, è il suo ingrediente base.
E durante questo periodo io mi trovo ad accudirla, a controllare ogni giorno temperatura e umidità, come se fosse una pianta che cresce.

Quante cose ho imparato in Giappone, poche ne sapevo. Tante verranno da sè.

DSC_0223

Le mie mani e la lacca rossa urushi: nori urushi

 

Annunci