Una settimana vale una vita.

Dovrei scrivere un post con tutti i crismi di wp, con i tag perfetti, link e Seo curata per creare marketing 

Dovrei ma quello che ho vissuto questa settimana è così ricco di emozioni che a stento riesco a raccontarlo a me. 

È tutto iniziato una mese fa, l’incontro con Gioia di Biagio e La Corte dei Miracoli a Milano. E questa settimana ha raccolto e seminato frutti di poesia e amore. 

Lunedì la conferenza stampa per l’evento “Come mi oro”; mercoledì l’allestimento della mostra delle mie ceramiche “Imperfetti” kintsugi e le fotografie di “Io mi oro” di Camilla Giannelli e Anna Laviosa. Giovedì è stato il tempo della performance di Gioia di Biagio, che si è kintsugata sul palco mentre io raccontavo l’elogio della fragilità dell’uso dell’oro nelle ceramiche. Venerdì l’ultimo atto, con le Cardamomo e il Valse de la Meduse. 

Quanto amore posso contenere? Si può misurare lo spazio o lasciarsi riempire? Ho incontrato amici nuovi che hanno amato con me le ore, che mi hanno regalato la poesia degli sguardi, la condivisione, il tempo esatto della gioia. Amici nuovi perche alle volte gli incontri sono lampi scintillanti. 

E ho avuto con me amici che, nonostante le complicazioni della vita, mi hanno donato il loro tempo, tutto, perché l’amicizia ha una sacralità che nulla sfregia. 

Ho desideri realizzati e nuovi sogni. Perché ci sono giorni che valgono una vita intera. 

Annunci

20 pensieri su “Una settimana vale una vita.

  1. Il tempo è tiranno, ma ho potuto leggere quanto hai scritto, guardare le foto e, perché no, “sentire” la tua gioia. Quindi? Anche se non scivola tutto nel modo migliore… val la pena di vivere per sentirsi vivi.
    Ciao.
    Quarc

  2. SOGNARE…

    di Fausto Corsetti

    Quando ovunque sovrasta il silenzio e ogni cosa resta avviluppata dal grande freddo non è facile pensare a come sarà il tempo della fertilità, il tempo della pienezza dei frutti. Giocherellare con un seme nella mano che anticipa qualcosa che verrà, che certamente si compirà, ma che ancora non si vede, non si può vedere: promessa di un inedito che accadrà spontaneamente e soltanto al tempo giusto.
    Giusto è lo spazio di un quaderno bianco, colmo di fogli vuoti, per raccogliere frammenti di vita che divengono veri quando incontrano, abbracciano i giorni che passano, quando tessono relazioni e vissuti che non si ripetono uguali, che durano, che non si offrono mai in modo scontato o prevedibile.
    Tutto inizia fragile, piccolo, inevidente. Tutto passa attraverso il tempo della sosta, la stagione delle domande, il coraggio della ricerca, la sfida del sogno, la fermezza del proposito. Chi siede al tavolo per tracciare le prime linee di un grande disegno reca già dentro di sé ciò che troverà forma e dettaglio solo dopo lunghi tempi di lavorazione. Immaginare già compiuto qualcosa che non si può ancora toccare con mano è la condizione di fattibilità del sogno stesso.
    Non si tratta di cercare qualcosa di ideale ma di avere, di coltivare, di alimentare, nel cuore e nella mente, un ideale, un sogno, un progetto.
    Ogni inizio di un nuovo anno ci spinge a coltivare pensieri nuovi, a proporci obiettivi esigenti, a intraprendere percorsi inediti.
    Verrà certamente il tempo della prova, non mancheranno le paludi della tristezza e dello sconforto, si conosceranno scoraggiamento e fatica, ma non potrebbe essere altrimenti: è la vita, la nostra vita!
    Chi vive di timore o di esitazione, alla fine, vede la propria vita dissolversi proprio tra quelle mani che la volevano custodire, trattenere, proteggere.
    E’ rischio la vita. Ma soprattutto sogni, desideri, progetti che si esprimono in un movimento continuo di cambiamenti. Quegli stessi mutamenti che leggiamo ripetersi nell’avvicendarsi delle stagioni.
    Così è la vita: luogo e tempo di semina e di raccolto; luogo di lavoro; tempo di attesa e soddisfazione, tempo di cura attenta, responsabile, operosa; tempo di progettazione e di realizzazione; luogo per alimentare e custodire sapori e valori che danno gusto e profumo nuovo al succedersi mai uguale di notte e giorno, di freddo e caldo, di sospensione e compimento.
    E’ un’esistenza fatta di simboli e di affetti, di ritorni e di riti, che costellano di luce e di magia proprio quelle notti lunghe che noi tutti conosciamo. Notti d’inverno. Penetrando il cielo profondo e oscuro, la vita invita ad uscire dal proprio piccolo comodo rifugio, a guardare lontano, forse alla ricerca di una traccia, di un segnale che porti conferma e conforto al proprio cammino, per continuare ad inseguire, con fiducia e speranza, sogni e progetti.

  3. Se si sente di essere nel piene delle sue forze l’ho faccia con entusiasmo perchè una settimana del genere non è di tutti conquistarla. Ogni occasione si deve prendere al volo! Buon proseguimento e auguri! La invito nel mio blog se le fà piacere:

    https://passione2017.wordpress.com/ Grazie, rilasci un suo commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...