La Sirenetta di Copenaghen, resta l’ignoranza.

Statua_della_Sirenetta

Di Jose Antonio – Opera Propria, CC BY 4.0, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=5167320

“La statua della Sirenetta è una scultura bronzea alta 1,25 m e dal peso di 175 kg, situata all’ingresso del porto di Copenaghen, di cui è uno dei simboli. Raffigura la protagonista, Sirenetta, di una delle più celebri fiabe di Hans Christian Andersen, La sirenetta” da Wikipedia.

La Sirenetta è l’omaggio di Carl Jacobens alla celebre figura della fiaba della sirenetta, nessun valore patriottico, politico, ma un gesto artistico fine a se stesso, per il gusto del bello e dell’amore, realizzato nel 1913 dallo scultore Edvard Eriksen.
Negli anni è diventata molto di più per i danesi, un simbolo, un luogo di ritrovo, un affetto che si impara fin da piccoli, una presenza viva
Si sa che i simboli assumono valori strani anche quando non ne hanno, per il solo fatto di essere simboli. E così la statua è stata presa in ostaggio da ogni genere di contestazione religiosa, politica, di genere, che l’hanno ripetutamente fatta oggetto di ogni genere di vandalismo.

Nel 1964 la testa è stata segata e asportata (e mai ritrovata) da un gruppo di artisti schierati politicamente, parte del Movimento Situazionista.

Damaging of statue of the Little Mermaid

Nel 1998 viene di nuovo asportata la testa e questa volta riconsegnata. Colpo fatto da ignoti.

sirenetta-lille-havfrue-little-mermaid-copenaghen-copenhagen-vandals-history-meanwhile-in-denmark (6)

Nel 2007, in occasione della festa della donna, a Marzo, viene dipinta di rosa.

ap98980960303214535_big

Nel 2007 per contestare la politica di apertura agli immigrati, alla sirenetta venne messo il burqa.

640x392_74100_34667

Nel 2014, per ricordare il fatto del 1964, quando alla sirenetta venne asportatata la testa, l’artista Uwe Max Jensen si fece ritrarre nudo con un secchio in testa a ricordare la decapitazione.

C_4_articolo_2041170__ImageGallery__imageGalleryItem_2_image

Questi sono alcuni degli atti vandalici a cui è stata sottoposta la celebre statua (li potrete trovare tutti  nel sito http://danimarcapertutti.blogspot.it/2011/04/meanwhile-in-denmark-speciale-la_8577.html)

E questo è quello nuovo, rossa come il sangue delle balene che vengono ogni anno uccise nel mare delle isole Faroe; è la dimostrazione da parte degli attivisti contrari alla loro uccisione. L’amore che i danesi hanno per questa piccola ma significativa statua ha fatto sì che ora la statua è già pulita e restituita alla sua bellezza. 134710204-441d4450-afd3-403b-9e21-374ec54e7e0d

Resta l’ignoranza, quella non si pulisce con nessun prodotto e non si ripara né si risolve.
Resta l’ignoranza di chi, per dimostrare la propria idea non si cura di nulla: la sua idea è unica e migliore delle altre e merita ogni tipo di comportamento, sebbene errato e vandalico.

Resta l’ignoranza e da quella, purtroppo, il mondo non si salverà.

Info utili e fonti
Danimarca per tutti, Meanwhile in Denmark http://danimarcapertutti.blogspot.it/2011/04/meanwhile-in-denmark-speciale-la_8577.html
Wikipedia, la storia della Sirenetta https://it.wikipedia.org/wiki/Statua_della_Sirenetta
La storia dell’installazione artistica del 2014 http://www.tgcom24.mediaset.it/magazine/2014/notizia/copenaghen-nudo-per-la-sirenetta-la-strana-performance-di-un-artista-danese_2041170.shtml
Il nuovo attacco di due giorni fa, la sirenetta rossa http://www.repubblica.it/ambiente/2017/05/30/foto/copenaghen_sirenetta_vernice_rossa-166797235/1/#2

(le foto sono tratte dal web e nello specifico negli articoli qui sopra citati)

Annunci

41 pensieri su “La Sirenetta di Copenaghen, resta l’ignoranza.

  1. sorry, errori in corso…
    Volevo solo dire che questi atti testimoniano soltanto quanta superficialità ci sia in persone che solo stupide rimangono. Le rivendicazioni non giustificano scempi tali. Anche la grande associazione Green Pace utilizza metodi simili. Deplorevoli e inutili .

    • Succede, solo che i commenti non si possono correggere, wp ci vuole tutti perfetti 🙂
      Non è detto che i grandi siano meglio dei piccoli, anzi…hai visto come hanno trattato una statua che ricorda una fiaba? Pensa se ricordasse un fatto politico?
      O forse è proprio perché ricorda una fiaba e per questo viene più facile, a livello mentale, oltraggiarla?
      sappiamo che la mente umana ha delle strane deviazioni 🙂

  2. Pingback: La Sirenetta di Copenaghen, resta l’ignoranza. | squarcidisilenzio | Chezliza
  3. Mi trovo d’accordo solo parzialmente con il tuo articolo ed i commenti che ha ricevuto.
    E’ indubbio che privare l’Umanità di qualunque opera d’arte, sia gesto condannabile.
    Non ho, per contro, la conoscenza artistica adeguata per valutare se la Sirenetta di Jacobsen, rientri in tale categoria.
    Penso però anche che alcuni (e sottolineo ALCUNI) degli episodi che hai citato, volevano – o spero volessero – nelle intenzioni, richiamare l’attenzione del mondo su temi importanti e meritevoli di essa.
    Non sono e non sarò mai un vero artista, capace di far dono al mondo di opere capaci di risvegliarne la sensibilità ma sono fermamente convinto che se lo fossi e realizzassi qualcosa capace di tale forza, sarei ben felice venisse deturpata, oltraggiata, colorata, vestita, o qualunque altra cosa venisse in mente di fare ad essa, se il fine fosse nobile e le motivazioni alte sul piano morale e sociale.
    Penso l’arte vada usata, qualunque sia il modo in cui lo si fa, se in tal modo diviene veicolo di condanna sociale verso abusi, ingiustizie, nefandezze morali.
    Naturalmente, si tratta solo della mia opinione.

    • grazie della tua opinione. Io però credo che quando una persona vandalizza una cosa di un altro, si squalifica da sè.
      Se il senso è di dare potenza alle proprie parole, allora perché non fare qualche cosa propria che le gridi? Perché una persona deve venire a distruggere una mia opera, quale che sia la sua motivazione?
      E se inneggiasse al nazismo, ad esempio, saresti felice lo stesso? Se inneggiasse alla violenza sulle donne, al fanatismo religioso?
      Io credo che il rispetto sia la base di ogni rapporto umano e una delle forme di rispetto è anche quella per le cose, soprattutto quelle degli altri.
      Per quanto riguarda la sirenetta è un simbolo, poi che sia una vera opera d’arte non posso dire, è un simbolo creato da uno scultore.
      Grazie quindi delle tue riflessioni

      • Ho scritto di fini nobili sotto il profilo morale e sociale quindi proporre come esempi l’inneggiare al nazismo o alla violenza sulle donne non ha alcun senso.
        Capisco benissimo il tuo punto di vista: tentavo di mettermi nei panni di un’artista, chiedendomi come sarei io.
        Tu vedresti esclusivamente come un abuso se venisse compiuta un’azione, anche nobile nell’intento, che la danneggiasse ed è un’opinione legittima.
        Io al contrario lo vedrei come un trionfo del significato e della forza che l’arte è in grado di sprigionare.

        • Ho scritto apposta di motivazioni negative perché purtroppo non può l’artista decidere chi può “vandalizzare” la sua opera, chi capita, capita 🙂 ed è anche una provocazione la mia, credo tu lo abbia capito.
          Sì, da restauratrice e da amante delle cose, io lo vedo solo come un abuso, pensa che sono anche contraria alle scritte sui muri, pure quelle di Bansky per assurdo. (ovvio che se lo facesse sul mio muro ne sarei felice).
          La tua posizione è interessante, l’opera come un muro bianco per dire la propria idea. Ma pensa se quel rosso non fosse più andato via: in tutta onestà, la statua tutta rossa ti piace?

  4. Il tuo excursus rende tristi.
    Sul blog di Chezliza ho scritto: “Quando visitai le isole Orcadi ci dissero che, ai tempi, chi si comportava male veniva messo su un’isoletta e là abbandonato. L’inclemenza del clima faceva il resto.
    Forse è questa la ragione per cui sulle Orcadi non c’è criminalità”.
    Buona serata.
    Quarc

  5. Ho recentemente scritto un articolo sul mio nuovo blog riferito ad un avvenimento simile: Neoclassical graffiti (https://pastaepomodoro.wordpress.com/2017/05/31/neoclassical-graffiti/).
    Purtroppo io questa non la riterrei ignoranza, non direttamente almeno; è disperazione, mancanza di ideali per cui valga davvero la pena combattere. Noi che viviamo l’epoca contemporanea abbiamo quotidianamente sotto i nostri occhi le contraddizioni della società e la follia della globalizzazione: la gente è indignata, è arrabbiata, si sente in guerra con il mondo ma non sa contro chi combattere. E allora si sfoga facendo questo genere di cose. Scommetto che se scovassero il responsabile e gli chiedessero “Perchè?”, questo non sarebbe in grado di fare un discorso lineare e argomentare la propria posizione per più di 10 minuti. In realtà – e forse sbaglio a dirlo – delle balene non gliene frega proprio niente, questi soggetti vogliono solo scaricare la loro rabbia su qualcosa, e si appigliano a qualsiasi ideologia gli capiti a tiro. E se tutta questa rabbia repressa è presente in Danimarca, un paese tutto sommato tranquillo e che funziona bene, non oso immaginare in Italia cosa possa succedere da un momento all’altro…

    Complimenti per il blog, comunque. Se sei interessata, io ne ho aperto uno nuovo recentemente dove discuto di politica, arte, società e gastronomia. Per ora è ancora un po’ tutto allo stato “embrionale”, ma scrivo articoli regolarmente… se ti va, passa a dare un’occhiata e magari seguimi, sarebbe un bel modo per incoraggiarmi ad andare avanti con questa cosa e magari uno spunto per confrontare le nostre idee. Buon lavoro!

    • Concordo con voi che il gesto sia stato deplorevole, perché la distribuzione di qualcosa, difficilmente, porta alla costruzione di qualcos’altro, fosse anche un’idea da comunicare. Oserei dire che l’atto vandalico sia stato non solo stupido ma anche inefficace nei propositi ,qualora vi e fossero, perché ha suscitato il disprezzo di tante persone, piuttosto che la loro sensibilizzazione su una questione molto importante e delicata quale il rispetto della vita e delle leggi internazionali.
      Mi sento quindi di chiarire, se posso, le motivazioni (validissime), di un gesto così controproducente.
      Le isole Fær Øer, sono un protettorato danese. La Danimarca, in quanto paese dell’Unione Europea, “dovrebbe” far rispettare le leggi comunitarie che proibiscono la caccia alle balene. Ogni anno, invece, la polizia danese, con le proprie motovedette, coadiuva l’operato dei pescatori locali, impedisce e, nel caso arresta, chiunque voglia riprendere con il proprio cellulare e/o telecamere, l’uccisione (assolutamente brutale) dei cetacei. Personalmente trovo molto più utile boicottare questo paese e i suoi prodotti piuttosto che imbrattarne il simbolo. In qualità di biologa marina, esperta in cetacei, mi rendo disponibile a rispondere a qualsiasi domanda possa emergere sull’argomento specifico. Grazie mille
      Pamela

  6. Anche secondo me alla fine resta solo l’ignoranza. Non ci si può appropriare di una cosa fatta da altri deturpandola per lasciare, per lanciare, un messaggio. Quello è vandalismo, punto ( non voglio aprire il discorso invece di quante opere moderne siano degli atti vandalici veri e propri, se non altro al buon gusto e non mi riferisco certo ai graffitari ma a certe porcherie che si vedono nei musei d’arte moderna…sarebbe un discorso troppo lungo e lascio perdere, l’Imperatore è molto spesso nudo ma molti lo vedono sontuosamente vestito – per citare un’altra celebre favola -). Io ho fotografato diverse volte la fontana di Piazza De Ferrari con l’acqua dipinta di colori diversi a seconda della ricorrenza e devo dire che la preferisco con l’acqua color dell’acqua. 🙂

    • Io penso che chi deturpa le cose degli altri per ribadire un’idea, sia senza idee, perché se le avesse non avrebbe bisogno di questi gesti. Nessuno pensa mai alle conseguenze, agisce sull’onda della libertà (quale poi?) nella convinzione di essere nel giusto.
      Acqua color acqua, il mio preferito 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...