Come le conchiglie

A volte le persone sono così, come le conchiglie. Sono uniche solo nel loro guscio. Uniche e rare -o così si pensano-

E mentre loro sono sotto la sabbia a lucidarsi di parole e grazia eccelsa, fuori il mondo vive e ama in loro beffa.

Senza di loro.

Poi si schiudono, tempo di un attimo, di uno sputo di vongola, sfavillano di mere illusioni, senza guardarsi intorno, per poi tornare sotto la sabbia. 

Da soli.

Annunci

13 pensieri su “Come le conchiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...