Un po’ di conti su un libro autopubblicato

In questi mesi ho studiato in maniera approfondita la tecnica giapponese di restauro ceramiche con polvere d’oro: Kintsugi.

product_thumbnail
È un argomento interessante, del quale poco si trova in Italia; ho quindi deciso, nel mentre studiavo, di trascrivere gli appunti e ne è nato un libro di un centinaio di pagine che parla del Giappone, di storia, filosofia, di monaci Zen e di ikebana fino ad arrivare alla tecnica pura.
Un saggio che sarà a breve in vendita e che sarà anche un omaggio per i miei clienti che opteranno per quel tipo di restauro.

Proprio per la finalità di studio, ho deciso di seguire il canale dell’autopubblicazione.
Ho scelto Lulu. Ieri però mi è arrivata una offerta di Ilmiolibro e così ho provato a fare un confronto di prezzi.

Lulu: libro copertina morbida, 96 pagine, 15cm X 23cm. Per 50 copie,  spedizione e Iva incluse 4,82€
Il mio libro: copertina morbida, 96 pagine,  14cm x 21cm . Per 50 copie, Iva inclusa, spedizione gratuita con offerta speciale solo fino al 23 gennaio, 5,69. 

Quindi un’offerta speciale che non porta risparmio.
Lulu è americana, Il mio Libro, gruppo Espresso, italiana. Può bastare questo per un prezzo così differente?

 

Annunci

29 pensieri su “Un po’ di conti su un libro autopubblicato

  1. Ho anche io optato per Lulu.com dopo avere verificato i listini di quasi tutti i self italiani e non, sopratutto quello che mi ha convinto è stata la qualità della stampa. Lulu poi pubblica anche su Mondadori, Amazon e partners dove, eventualmente, quando non è conveniente spedire (Lulu va detto a volte ha prezzi di spedizione alti) puoi attingere. In questo secondo caso però la qualità scende.
    Interessante articolo, era da mo’ che volevo farlo pure io ma alla fine… m’è passato di mente.
    Disclaimer: non è pubblicità per Lulu, non credo ne abbia bisogno, è solo costatazione. Lo dico non si sa mai. 🙂

    • Non avevo nemmeno pensato fosse pubblicità, ma solo una valutazione tra due casi differenti. Grazie delle info sulla pubblicazione su Amazon e Mondadori, e sì, la spedizione è alta a cresce con il numero delle copie, quando sappiamo che in realtà così non è. Ma per ora mi sono trovata bene.
      E grazie per il reblog 🙂

  2. Se lo stampi tu direttamente le copie costano molto meno, per dire, pressup per la combinazione che ti serve costa 110 più iva (tutte e 50). Per le copie da vendere online puoi usare direttamente Amazon KDP, ora permette di fare sia ebook che libro. Valuta questa accoppiata (pressup per le copie personali, amazon per quelle in vendita online).

    • Grazie mille dei consigli. Come ho spiegato nel post ho deciso per l’autopubblicazione perché il mio libro è uno strumento e come tale voglio che sia facilmente e mio piacere, stampabile; voglio poterci fare correzioni, approfondimenti e essere quindi libera di muovermi.
      Provo a vedere pressup, anche se ora sono partita con Lulu e l’ho messo in vendita su Amazon con quel canale lì.
      Ho pensato alla stampa diretta da dare ai clienti o eventualmente spedirla, avevo notato anch’io che è la modalità per me più vantaggiosa.
      Amazon KDP non lo conosco, oggi studio, grazie 🙂

    • Mario grazie mille, non conosco neppure streetlib, proverò a fare delle simulazioni di stampa. E sì, ho pensato anche all’ebook, un pezzo alla volta, una restauratrice che diventa scrittrice fai da te abbisogna dei suoi tempi 🙂
      Grazie ancora.
      Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...