Ex voto, da Melicucco a Paola

Mi piace raccontare storie, ancora di più ascoltarne.
Quella che vi racconto oggi è una storia tra devozione, rapimenti, truffe e amore paterno. Tutto questo ambientato nel Sud, in Calabria per precisione.

Nel Santuario di San Francesco da Paola, in Calabria, in uno dei corridoi della chiesa antica si trova una grande statua di San Francesco realizzata nel 1993 dal maestro Giuseppe Correale con questa targa.

20160817_132758 (Copia)

Foto personale Agosto 2016

In breve, Michele Pronestì da Melicucco, Reggio Calabria, fa costruire nel 1993 una statua del santo che dona al santuario come ringraziamento per l’aiuto del santo stesso alla salvezza del figlio Ottavio.
Chi è Michele Pronestì da Melicucco e cosa è successo a suo figlio? Ma soprattutto perché gli è concesso di mettere una statua così grande nella chiesa quando gli altri ex voto sono tutti riposti in diverse stanze fuori dalla chiesa? (a questa ultima domanda non so rispondere, però me la sono fatta)

Michele Pronestì è un imprenditore agricolo di san Fili, a Melicucco e sindaco DC di Melicucco negli anni ’80. Melicucco è una ridente cittadina di 5000 abitanti, nella piana di Gioia Tauro, famosa per il raduno dei giganti e il ciuccio bruciato, che si tiene ogni anno durante la festa di San Rocco, il 16 Agosto.
Alle 17,30 del 5 Novembre 1988 Ottavio Pronestì, figlio di Michele, viene rapito mentre era in uno suo podere; un suo colono, Rocco Luzza, viene legato e imbavagliato e solo dopo molto tempo riesce a liberarsi e a dare l’allarme a casa Pronestì, in san Fili, a Melicucco.
Ottavio viene cercato in ogni dove dalla polizia di Serra San Bruno ma soprattutto in Aspromonte dove si ritiene siano tenuti in ostaggio anche gli altri rapiti: siamo infatti nel periodo dei sequestri Casella, Celadon, di Maria Grazia Belcastro, tutti ancora nelle mani dei rapitori.
L’Anonima sequestri chiede alla famiglia Pronestì 5 miliardi di lire per il riscatto; a Melicucco ci si interroga sul perché di questo rapimento, la famiglia Pronestì è benestante, ma non ricca.
Michele Pronestì si rende curioso personaggio nella richiesta allo stato Italiano di farsi carico del costo del sequestro; e inoltra ricorso per ottenere l’indennizzo dei danni patiti per il rapimento direttamente al governo, con una citazione in giudizio e l’appello al Presidente della Repubblica.
Ottavio Pronestì, 5 mesi dopo, riesce a liberarsi e a fuggire, le preghiere al santo tanto venerato in Calabria ottengono il risultato sperato. Tanto da indurre negli anni a venire la costruzione della statua come ex voto.

Michele Pronestì sale appena un anno dopo agli onori della cronaca per una truffa miliardaria ai danni della CEE e per questo finisce in carcere con altre 34 persone.
A gennaio del 2016, l’amministrazione comunale di Melicucco gli intitola la sala conferenze.

Storie, storie di persone sconosciute, di luoghi noti, di gente, di ‘ndrangheta, di rapimenti, di DC (già, la DC, come ieri, nel racconto di Stefano Rivetti e il Cristo di Maratea), storie del sud, di devozione, fede, ex voto, amore paterno. Storie di cui non conosci bene l’inizio e non comprendi la fine.

Anche in questo caso, come ieri, le notizie che ho sono poche, provate ad approfondirle con i link a seguire.

Link per approfondire
Articolo La Repubblica 6 novembre 1988, il rapimento http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/11/06/sequestrano-il-fratello-del-sindaco.html
A
rticolo da StopAndrangheta http://www.stopndrangheta.it/stopndr/key.aspx?k=A,Ottavio+Pronest%C3%AC
Articolo La Repubblica 25 Luglio 1989, l’arresto per truffa http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1989/07/25/truffa-da-100-miliardi-ai-danni-della.html
Inaugurazione della sala conferenze a Melicucco http://www.strettoweb.com/2016/01/melicucco-rc-questa-sera-la-cerimonia-di-intitolazione-della-sala-conferenze-a-michele-pronesti/363506/
Le opere di Giuseppe Correale da Siderno http://www.giuseppecorreale.it/biografia3.htm

 

Annunci

2 pensieri su “Ex voto, da Melicucco a Paola

  1. carissima,
    le tue indagini storico-religiose dicono, tra l’altro, che la Chiesa ha un riguardo particolare per il potere politico e non commento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...