La libertà di espressione NON è per tutti

Internet ha aperto alla conoscenza, i social alla demenza.
I social hanno dato voce a un branco di ignoranti, dementi, maleducati, soggetti che forse la domenica il massimo che facevano era zappare l’orto. E nella pagella di terza media, il massimo del loro progresso scolastico, raggiungevano il 6 politico, dopo aver ripetuto almeno tre volte.
Non si spiega se no la volgarità, la cattiveria, l’ignoranza che dilaga nei commenti alle notizie nelle testate giornalistiche.
Ieri, la notizia parla di una ragazza di 19 anni morta di meningite a Vienna di ritorno dalla Giornata mondiale dei giovani.

Ecco alcuni commenti

Gli anti Cristo, e visto che loro non credono si salveranno da ogni morte e malattia.
2

8

Quelli che sanno tutto, che devono dire tutto, che hanno una risposta a ogni domanda
(Quale è il senso dei raduni? se non lo capisce già è tagliata fuori dai commenti.
A che serve riunirsi in una marea per fare che? forse non ha neppure letto la notizia
Sono stati spesi tantissimi soldi e i ragazzi erano spesati. no, i ragazzi SI SONO PAGATI TUTTO, facendo raccolte fondi per UN ANNO INTERO, stia tranquilla, non hanno speso i suoi soldi, ci pensano i politici
Lasciamo i tifosi nei campi di calcio! Ah, già, perché lì c’è il senso a quei raduni?)
Se non voleva offendere bastava stesse zitta.

3

Il complottista che segue la moda del momento e che comunque lui sa e deve dire la sua, con il dito puntato, ovvio, dal pulpito della sua saggezza.

6

Il comico, inopportuno, che crede di essere sul palco di Zelig e si sente simpatico in ogni dove.
Ma simpatico non lo è.

22

11

Questo è un piccolo esempio di ignoranza da social, che poi è ignoranza sempre, perché una persona che commenta in questo modo la notizia di una ragazza di 19 anni morta di meningite senza il minimo di empatia, senza pensare che si parla di morte, senza pensare che ci sono genitori, amici, persone che stanno soffrendo, credo sia proprio ignoranza sempre.

La notizia della morte di una ragazza di 19 anni morta di meningite o di qualsiasi altra morte si commenta con il silenzio del lutto.

Io sono contro la libertà di espressione, bisogna combattere queste persone togliendo loro la possibilità di scrivere. 
Occorre moderare i commenti, cancellare quelli inopportuni, togliere la possibilità a questi cafoni/leoni da tastiera, di esistere. 
Una notizia non deve essere per forza commentata, dei vostri giudizi non ci interessa nulla, non aggiungono nulla alla notizia, non la fanno più o meno bella, più o meno vera.
L’odio genera odio, l’ignoranza chiama ignoranza in una gara a chi è il peggiore.

Moderare i commenti, togliere a queste persone, che siano definiti troll, haters, flame, poco conta, la possibilità di dire la loro. Sono comunque persone e se dimostrano tanta ignoranza NON devono poter commentare.

 

 

11 pensieri su “La libertà di espressione NON è per tutti

  1. Un po’ come quelli che esaltano la mafia o Hitler (ma anche altre “belle” cose). Il Web ha dato la “libertà” a cani e porci…non è il bene assoluto che tanti credono. I rovesci della medaglia sono questi (ma anche altri e peggiori pure).

    Io sono ateo (per me la religione è schiavitù) ma non mi metterei a scrivere certe cose… 😀
    Al limite mi pongo in altre maniere. 🙂

    • Sai, un commento ben argomentato, anche se contrario alla notizia, è ben accetto, anzi, necessario.
      Ma nel caso della notizia di una morte, si deve fare silenzio, nulla aggiunge o toglie.
      Sì, hai ragione, libertà a cani e porci e a un branco di cafoni saccenti.

      • Lo sai, si avvelena di più così una Democrazia rispetto alla corruzione in politica. Certi cittadini sono peggiori di chi rappresenta male un sistema…il male della Democrazia (da sempre), è questo!

        • Ecco, metti il dito nella piaga della politica, l’accenno a Renzi a alla sua colpa in questa morte c’era. Certe persone pensano che l’offesa sia il miglior modo per comunicare e si fanno forti del fatto che qualcuno arriverà a dare loro qualche like. Ma non si accorgono che mettendo il loro nome e cognome si annientano da soli dalla società.
          Non li sopporto più, non riesco a leggere più una notizia che è piena zeppa di inopportuni commenti.
          La Democrazia è un bene, ma non la sappiamo usare.

  2. premesso che non frequento i social per cui parlo da ignorante in materia, in generale sono convinto che l’imbecillità ha una sua funzione sociale che non va repressa: ascoltare una castroneria di Salvini, una sgangherata ricetta pentastellata per risolvere i mali del mondo, un’apologia balorda della violenza da parte di cani sciolti e idrofobi, mi fa star meglio, per quanto fesso non raggiungerò mai tali abissi di pensiero.
    al di là delle battute, sono per la libera espressione degli idioti che si squalificano da soli.
    ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...