LE COLOMBE -Leopardi #1

Omaggio il compleanno di Leopardi con la poesia di Massimo Botturi, uno dei poeti contemporanei che più mi lascia segno.

massimobotturi

Talvolta luminose hai le mani
piene d’ira
e cose che vorresti afferrare. Altre taglienti
rivolte alla tua fronte come sul sole estivo.
Per via forse del rosso veleno che ti sale
inetta alle giostrine d’amore, al po’ di senso
d’un liquido futuro sparito.
A volte paghe
stoccate con la santa memoria verso il pane
danzate sulla frutta che spogli, come un uomo
ha fatto mille volte con te.
Talvolta cieche, di aria sopra gli occhi pestati
occhi bucati
dai quali perdi l’acqua del nascere.
Ed è fiume, un caldo serpicello d’innocua resistenza
un timido convoglio di sale che avvicina
la bocca a quel sapore un po’ amaro e capriccioso
che ha il cuore delle cose perdute.
A volte amo
trovarle alle ginocchia dell’uomo che conosci
là ferme come al grano, colombe
senza voglia
di andarsene lontane, né spine di timore.

View original post

Annunci

9 pensieri su “LE COLOMBE -Leopardi #1

  1. E beh…se parliamo di Massimo non posso che essere d’accordo: basta leggere ciò che hai rebloggato…per dire (e per le innumerevoli poesie scritte nel suo blog e libri)
    bravissimo davvero, poeta contemporaneo che guarda alla semplicità di un bel tempo passato (e concreto). A me ricorda molto Tonino Guerra, la poesia contadina…sagace e buona. Pane al pane vino al vino…ogni cosa con il suo nome condita con ottimo olio.

    buona serata a voi
    .marta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...