Mentre

Sai quando c’è in giro quel cazzeggio sterile, la noia vuota delle esistenze, la rabbia dell’ignoranza?
Io, nel mentre, lavoro, la testa bassa dell’indifferenza ai tuoni del mondo, quelli ciechi e bastardi.
Sai quando c’è in giro quel razzismo diffuso, la barbaria della pedofilia, il cuore marcio degli stupratori?
Io, nel mentre, raccolgo lacrime e costruisco serenità tra le tue braccia.
Sai quando c’è in giro quel purulento fetore di vendette e odio, di clacson agitati e ladri di idee, roba, cuori, puttane in vendita, desolate?
Io, nel mentre, cucio il mio silenzio al tuo petto e accarezzo le opinioni, i progetti, desideri e speranze sbocciate sulle labbra.

Io, nel mentre parli, godo.

Chiara

Annunci

17 pensieri su “Mentre

  1. Cara Chiara,
    la poesia può essere metrica ma deve essere e comunicare emozione. I tuoi post hanno, molto spesso, questa caratteristica, dono naturale di chi ama la vita, è in pace con se stesso e vuole
    trasmetterla anche agli altri.

    • La vita è difficile per tutti, Antonio, complessa, piena di sfide e cadute, tante.
      Cerco solo di stare bene, forse in pace con me stessa non so, ma sto bene e se non sto bene mi cimento a uscire in fretta dai problemi, non nascondendoli, ma affrontandoli e risolvendoli.
      Dici bene, vorrei trasmettere serenità, che è ciò per cui vivo, e non odio e rancore.
      Buon fine settimana e un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...