I giornalisti sono morti e i lettori non stanno tanto bene

Avete presente quando in rete è comparso questo esempio di restauro mal fatto?

fonte Il giornale.it

fonte Il giornale.it

L’affresco del XIX attribuito all’autore  Elìas Garcìa Martìnez, si trova nel Santuario della Misericodia di Borja in Spagna; rappresenta Cristo con una corona di spine il cui titolo è “ecce homo”.
Un’anziana signora, così citano le cronache, in accordo con il parroco, ha messo mano all’affresco e il risultato è quello che vedete sulla destra. Forse irreparabile, non si sa; ma si sa che l’intera comunità di restauratori, critici e amanti d’arte è insorta contro questo scempio e ancora dopo un anno se ne porta l’eco.
I restauratori ci sono, acciaccati ma vivi.

I giornalisti no, quelli devono essere tutti morti; intendo quelli con il patentino da giornalista, quelli che vengono pagati dalle testate, che studiano, si informano, si documentano, curano lo stile, la grammatica.
Sì, perché altrimenti non si capirebbe il loro silenzio davanti allo scempio a cui assistiamo ogni giorno noi lettori che cerchiamo, ultimi baluardi, di informarci leggendo le varie testate, da quelle nazionali a quelle locali.
Notizie inventate, fotografie non corrispondenti ai fatti, nessuna citazione, nessun credits per le fotografie.

È ovvio che i giornalisti siano tutti morti, è risaputo.
Ma i lettori no, anche se, dopo notizie come questa letta su di una testata locale, non stanno molto bene.popò

 

Chiara

Annunci

13 pensieri su “I giornalisti sono morti e i lettori non stanno tanto bene

    • Sì, diciamo che l’anziana signora se fosse restata a casa a fare la calzetta o la paella, ci avremmo guadagnato tutti.
      Però almeno in restauratori si sono arrabbiati tanto: ma i giornalisti? Non si dovrebbero arrabbiare anche loro?

  1. Su carta stampata credo che non si sarebbero permessi di dar un titolo del genere…O almeno spero! Comunque a me sembra che da quando il giornalismo e l’informazione tutta si siano in un certo senso “informatizzati” ,passando per canali differenti come social e siti internet, abbiano perso di stile,forma, contenuto ed anche buonsenso!! Il giornalismo è morto con i giornalisti e i lettori non stanno bene,proprio come dici tu!

    • Ma che differenza fa se è carta stampata o è online? Giornalista sei e giornalista rimani. Secondo me questi non sono giornalisti, ma stagisti sottopagati o neppure pagati.
      E sì, si è perso il buon senso, purtroppo.

  2. Devo dire la mia sulla faccenda del restauro, sul modo in cui vengono scritti gli articoli di giornale non dico nulla.
    Il risultato finale non è brutto a prescindere, anche se a me non piace. È mostruoso il fatto che un’emerita sconosciuta modifichi il lavoro di un altro pittore, per quanto non osannato dalla critica, senza alcun permesso o diritto.
    Cercando le foto della presunta restauratrice ho scoperto che la sua faccia, da ignorante convinta di aver fatto una cosa giusta e che non capisce dove sia il problema è assolutamente perfetta per il suo ruolo da ignorante e stupida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...