Ne vedresti delle belle

Se il tempo non fosse assassino, la pietra frenata, il laccio che stringe, un treno in corsa, lo sputo dal ponte, la scia luminosa, il campo, le fragole acerbe con il sapore ancor freddo di primavera, le pelle bianca arrostita di sole, la busta strappata, le calze bucate, il respiro che gela la gola, il tempo netto di 30 secondi che valgono un pianto, un vagito.
Ah, se il tempo non fosse una corsa ai divieti, una alle disattenzioni, la regola esatta, il più e il meno, la somma, l’esile stelo del campo di grano, il pane, la fretta, la mano che non si ferma, il semaforo rosso, i piatti da lavare, il sonno, la testa ciondola, il passo svelto, la maglietta mai nei pantaloni, le ciglia folte truccate, il rossetto sbavato, le foglie cadute a maggio, il mare d’inverno, la processione.

Ah, se il tempo fosse un punto fermo e potessi avere tempo solo per te, te lo assicuro, ne vedresti delle belle.

Chiara 

Annunci

9 pensieri su “Ne vedresti delle belle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...