C’è bisogno di una favola.

Sì, c’è bisogno di una favola.
Non è facile trovarla, lo so; molto più semplice strazi, violenze, assurdità, cattiverie. Ma io ho deciso di farlo perché di principi e principesse, di rospi che vengono baciati e di sogni realizzati, ancora la vita ne è piena.
E così vi racconto la favola di Jacopo Tissi, perché di favola si parla, non di una semplice storia.

Jacopo è un ballerino diplomato alla Scala di Milano (chi volesse sapere la sua storia, ho scritto un post qualche tempo fa, basta cliccare qui per leggerlo), ragazzo talentuoso, ora assunto in pianta stabile nella compagnia del teatro.
È di questi tempi il debutto de La bella addormentata nel bosco di Marius Pepita; la prima ballerina è Svetlana Zakharova, ballerina di altissimo livello, a cui viene affiancato nel ruolo del Principe, David Hallberg, americano in forze al Bolshoi. Purtroppo Hallberg si infortuna e nella rotazione dei primi ballerini, viene invitato il «principal» dell’American Ballet Marcelo Gomes, che però declina l’invito per impegni precedenti.
La ricerca del sostituto prosegue con l’invito all’ucraino Sergei Polunin, che sfortunatamente, a contratto firmato, si infortuna il collo ed è costretto a rinunciare.

Fino a qui pare una storia di sfortunate vicende molto simili ad un episodio della vita di Fantozzi, che potrebbero portare alla sospensione dello spettacolo.
Ma
la favola ha inizio.
Il direttore del ballo, Makhar Vaziev, decide di puntare sui talenti a disposizione alla Scala e affida l’incarico al giovane e fresco di diploma, appena ventenne, Jacopo Tissi. Che prontamente accetta.

Jacopo ha debuttato nella prima de La Bella Addormentata nel bosco il 26 Settembre accanto ad una delle ballerine più brave, uno dei suoi idoli, fino a pochi giorni prima irraggiungibile.

Io di balletto ne capisco poco e, lo confesso, mi annoia anche un po’; però mi piace vedere la prontezza fisica dei ballerini, le scenografie, i costumi, la grottesca forzatura delle caratterizzazioni, la leggerezza dei passi, la narrazione muta.
Detto questo, la favola di Jacopo mi ha commossa ed emozionata perché ridona alla vita il suo corretto esistere: talento, dedizione e un pizzico (questa volta un po’ più di un pizzico) di fortuna.

Chiara

Annunci

18 pensieri su “C’è bisogno di una favola.

  1. BRAVISSIMA DUE VOLTE: PER LA TENACIA NEL PROBLEMA DELLA QUALIFICA DI RESTAURATORE -SO CHE SIGNIFICA LOTTARE CON LA BUROCRAZIA- E PER IL BISOGNO DI FAVOLA!!! VALGA PER TE QUELLO CHE SCRIVE HIKMET :”””I PIU’ BELLI DEI NOSTRI GIORNI NON LI ABBIAMO ANCORA VISSUTI.””” E BUONA FORTUNA.

    • Io preferisco: “i più belli dei giorni sono quelli che vivo man mano ogni giorno” perché vivere nella speranza di un futuro migliore è una mera illusione e una gran perdita di tempo.
      Credo molto, da tempo ormai, al “qui e ora”
      Un abbraccio e grazie, sempre e per tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...