LA POESIA SI FA NEI BOSCHI (un verso di Andrè Breton)

La bellezza di Massimo è che ha la poesia attaccata ai pensieri.

massimobotturi

Si fa con l’ombra dei larici e la melma
e col riflesso azzurro del lago più lontano.
Si fa col braccio alzato dei padri, il loro dio
dimentico dei poveri e afflitti;
con la donna, poggiata e spampanata
come una rosa accesa.
Si fa con il ricordo del sole, con il maggio
il giugno è dedicato alla luna
luglio è il sesso.
Si fa con un candeggio di cuori, con la testa
col mal di pancia e un poco di colpa
con coraggio, un ospite improvviso
un’amante quasi nuda.
Si fa col pettirosso poggiato alla ringhiera
col merlo che mi becca negli occhi
con le labbra, tenute strette solo una volta.
Senza penna
né ardore di ragazzo o di uomo mezzo andato;
si fa come si spreme un’arancia, e con il naso
diretto tra le cosce socchiuse un po’ abbronzate.
Si fa col turbamento del vento e delle piante
col…

View original post 8 altre parole

Annunci

10 pensieri su “LA POESIA SI FA NEI BOSCHI (un verso di Andrè Breton)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...