Dancing on my own

Quotidiani gesti di un ripetersi stanco, assoluti e anonimi, quasi,
tra le dita le solite monete, il tuo numero da giocare ai dadi, chi vince paga,
scrivi le solite parole, premi invio, ritorni alle tue faccende, affaticato il volto,
in assenza di te.

Non s’accomoda il tempo, in attesa di un destino che non arriva,
un filo srotolato che s’annoda e s’increspa come mare d’autunno
quando è ancora è estate e t’aspetti la sua mano nel mezzo d’ogni tempesta,
in assenza di te.

Chiara

 

 

 

 

 

 

Annunci

3 pensieri su “Dancing on my own

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...