In nero

Stufa.
Stufa di uno stato dove si lavora in nero, dove chi lavora onestamente e paga le tasse, viene tacciato per essere costoso nel proprio lavoro.
Stufa che per un lavoro con preventivo 300€ mi si dica che un’altra restauratrice lo avrebbe fatto  con 30€!
Stufa di un sistema dove la gente lavora a casa, non paga le tasse, affitto, non emette uno scontrino fiscale, non si preoccupa di inail, inps, tasi, imu, tantomeno del Bando per restauratori, che se tanto mi da tanto non hanno neppure uno straccio di diploma.chiarartè

E sono ancora più stufa di chi permette tutto questo, i cilenti, che accettano lavori di questo genere solo per il prezzo basso, senza guardare la qualità.

Chiara

Annunci

14 pensieri su “In nero

  1. Parli con uno che ovunque va si fa fare lo scontrino, anche se di soli 20 centesimi, seppur risulti impopolare! I miei amici dicono che sono un rompicoglioni.. ma io su queste cose cerco di essere il più corretto possibile!

    • Grazie. La mia è rabbia mista a incredulità. Posso capire un divario di 50/100€ ma non di 270€!
      E posso dirti che io non sono nemmeno delle più care, anzi; molto spesso mi dicono che i miei prezzi sono molto bassi…

  2. Come dici giustamente, ognuno dovrebbe farei sua parte, a partire dal consumatore. Io nel mio piccolo cerco correttezza e professionalità, vado dalla stessa estetista da vent’anni perché mi ci trovo bene e non hanno mai mancato uno scontrino. E sarò stupida o fuori dal mondo, come spesso mi dicono, ma quando mi faccio fare un preventivo per un lavoro da un professionista non mi metto a tirare sul prezzo. I lavori fatti bene hanno un valore e una qualità da pagare.

    • Non mi metto a tirare sul prezzo nemmeno io e i miei clienti sanno che se faccio un preventivo, quello resta, non è che poi lo gonfio a mio piacimento.
      Poi è vero che non sempre si richiede lo scontrino, che alle volte esci da un negozio e solo dopo ti accorgi che non ce l’hai, non siamo tutti santi, ma qui il sistema sta davvero peggiorando.

    • Ho letto, è così, il libero professionista ha poche tutele e quelle che vuole le deve pagare più del dovuto.
      Un sistema macchinoso e mancante in molti punti.
      Che appunto, spinge quasi al nero ed è solo la coscienza civica e morale che non lo permette.
      Grazie Marta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...