I POETI

I poeti: alcuni lo sono, altri no.
Massimo lo è, un Poeta, uno dei pochi tra i miliardi che si atteggiano a tali; lo è anche nel midollo, nelle pieghe della pelle, sotto le unghie, tra i capelli.
Massimo lo è, un Poeta, perché è umile nel suo scrivere, non punta mai il dito contro gli altri, non giudica, non si fa bello con le piume delle due parole, fa della vita una virtù.
Chiara

massimobotturi

Tu va a capirli i poeti:
quelli chiusi
quelli aperti.
Quelli che adoprano incenso
e quelli merda.
Chi dice cazzo senza una smorfia
quelli vecchi
che fanno lacrimare del mosto, quelli nuovi
moderni da spavento
e non ci capisci nulla.
Io c’ho argomenti facili, amici
vita
morte
nel mezzo un bell’andare tra le sue braccia
spesso, non dico sempre
il tempo ci cambia, non consola
ci mette a volte contro la noia, un barbagianni
la sfiga proletaria di chi perde il lavoro.
A volte c’è mollezza nei gesti,
anche nel corpo,
non viene fuori niente di buono
si vien tristi.
In altre pare come la prima
e tu sei meglio, con qualche chilo in più
e la paura di morire.
Ma valli tu a capire i poeti
sempre presi, nel loro mondo fatto diverso
un mondo puro
dove anche i tram si mettono l’ali
e c’è sereno, ben oltre il…

View original post 37 altre parole

Annunci

8 pensieri su “I POETI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...