Ah, le donne!

Ho sempre pensato che le donne andassero in bagno tutte insieme per solidarietà, del tipo “ti tengo io la borsa”, “hai i fazzolettini di carta che è finita la carta igienica?”, “non chiudere la porta, ci sono io”, “hai del rossetto?” e altre amenità.
Ma dopo aver letto i commenti dedicati a sua altezza reale Catherine Elizabeth, duchessa di Cambridge, contessa di Strathearn, baronessa Carrickfergusin post partum, ho cambiato idea: le donne vanno tutte insieme in bagno per scovare, sotto i vestiti, i difetti, una pecca, qualche errore da spettegolare una volta fuori.
Il suo difetto? Essere bella dopo il parto, essere radiosa e felice. Avere i capelli truccati ed un filo di trucco. Insomma, aver avuto un riguardo per se stessa e per il suo apparire.kate middelton

E c’è da fargliene una colpa?
Addirittura ipotizzare un falso parto gridando al complotto?
Siamo proprio in un mondo strano!

Chiara 

Annunci

17 pensieri su “Ah, le donne!

  1. Hai proprio ragione Chiara, la cosa che non sopporto delle donne è proprio l’invidia ai massimi livelli e di conseguenza una cattiveria gratuita che, bisogna dire la verità, negli uomini è meno presente!
    Buona giornata 🙂

  2. Quando ho letto che si parlava di madre surrogata stentavo a credere ai miei occhi: mi chiedo come si faccia a tirar fuori idee di questo tipo! Che poi diciamocelo, è una componente della famiglia reale, è ovvio che dall’ospedale sia uscita impeccabile: mi sembra il minimo! 🙂
    Se fosse uscita con anche solo una ciocca fuori posto si sarebbero sprecati i commenti del tipo “con tutti i soldi che hanno nemmeno uno che la aggiustasse un po’ prima di uscire hanno trovato?!”
    Hai proprio ragione: siamo un mondo strano…E pure invidioso!

    • E’ il suo compito essere in ordine, se non lo fa lei. Ma poi, a ben vedere e qui so che qualche mamma mi detesterà: è pur vero che partorire costa fatica e dolore, è pur vero che ti imbruttisci come tre settimane senza sonno…ma nelle corsie dell’ospedale vedi tante di quelle ciabatte strascicate, che basterebbe un pettine per sistemarsi.
      Vabbè.

    • Che poi io scherzo, ci sono un sacco di donne meravigliose, anzi, se devo dire, lo siamo tutti meravigliosi, noi con i nostri difetti e le nostre invidie. Solo che a leggerle in rete per una tale stupidaggine, mi fa sorridere 🙂

  3. L’invidia è un sentimento terribile, ed è l’opposto dell’empatia, ti fa vedere solo il bello dell’esistenza altrui. E anche meschina: si basa sull’assunto che se qualcuno ha più di te, in qualunque campo, di certo non ne ha il diritto. Ma è diffusa: quante tonnellate di carta stampata alimenta ogni giorno?

    • O anche, se qualcuno ha qualcosa che tu vorresti ma non riesci ad ottenere. L’invidia ostentata serve proprio a cercare di appropriarsene, dando ad altri colpe che sono solo tue.
      La mia invidia più grande? ( che non ne sono immune ) Avendo perso mia mamma dopo 10 giorni dal parto della mia seconda figlia, e avendo per il primo dovuto curare più lei che mio figlio, io provo invidia per quelle donne che camminano per strada spingendo i loro passeggini con a fianco la loro mamma. E mi spingo oltre, con la rabbia, quando sento che si lamentano se le loro mamme vogliono aiutarle con i figli.
      Ecco.
      la carta stampata vive di invidia e quando non c’è, la inventa…
      ciao. Mi piace quando arriva un nuovo blogger a leggermi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...