Bufale, pesci d’aprile e di noi che siamo un po’ fessacchiotti.

Quando ero bambina il primo di aprile si celebrava con un bel pesce di carta attaccato di nascosto alla schiena e si rideva tra i compagni sul malcapitato. pesce-05
Tra i grandi, invece, c’era chi si cimentava in scherzi d’autore: chi non ricorda, Estate 1984, il ritrovamento di tre statue di Modigliani poi rivelatesi un falso fatto da tre ragazzi livornesi?

2315742-22017152jpg
Ma erano casi sporadici, fatti benissimo e davvero difficile da sgamare anche dagli esperti.

Oggi. Oggi siamo nell’era dell’internet, le notizie volano come razzi da una parte all’altra del mondo in un soffio; con un computer in tre secondi, con una media abilità, si può fare di tutto, correggere immagini, modificare testi, attribuire date e mettere il tutto in rete. Con la certezza che una buona parte degli utenti non coglierà la bufala, anzi, più sarà clamorosamente falsa, e più verrà condivisa come vera.
Senza, ovviamente, verificarne la veridicità.

Vediamo come
Ieri mi sono imbattuta in questo link (clicca qui) . In sostanza viene raffigurato il  nuovo logo della regione piemonte, un orribile e infantile lombardia con stivali, occhialetti, cazzuola e progetto con la scritta edificante “Lombardia, voce del verbo lavorare”logolombardia

Come potete vedere tutti “una cagata pazzesca”

Pare che questo logo sia stato pubblicato e pubblicizzato dall’assessore regionale alle infrastrutture e alla mobilità della regione Lombardia, Alessandro Sorte, sulla sua pagina Facebook e l’articolo ne fa rimando con un link diretto.

ImmagineLa cosa più semplice da fare è cliccare il link. Io l’ho fatto. Ed ecco cosa appare.

alessandro_sorteA questo punto, o lascio perdere il link, o mi faccio delle domande.

E così cercando nel web scopro
1) il logo è vero, esiste, qualcuno lo ha disegnato ( quali manine sante? Sarà anche stato pagato o gli avranno regalato un ovetto kinder?) ma a quanto pare è solo un logo interno all’assessorato per un evento. (così dicono, mah!)
2) il motto è stato rubato a tal Angelo Capelli, consigliere regionale (che poi è un motto veramente deprimente, da andarne proprio fieri), rivale politico del Sorte. (conosco altri casi di motti rubati tra rivali, sarà uso comune. Io i miei rivali, se ne ho, nemmeno li leggo, figuriamo copiarli)

angelo_Capelli3) Del logo ora non c’è nessuna traccia, se non quella lasciata dagli screenshot e dai link che ora non rimandano più a nulla ( e non vorrei ripetermi, ma lo faccio:“ciò che si scrive resta, abbiate cura di voi e degli altri e sicurezza di quello che scrivete!” me compresa, ovvio)

Ecco che allora viene da chiedersi se era un pesce d’aprile in anticipo o una bufala, una presa in giro politica, o la verità, cosa ben più grave di tutte le altre.
E viene da chiedersi se vale la pena pubblicare la notizia come vera, quando nessuno sa la verità.
Ma l’amaro che resta è che questo dell’internet è un mondo brutto, di prese in giro, di cattiverie e noi, nella fretta di condividere e dire, condividiamo link, pensieri, immagini, senza aver prima verificato le fonti, contribuendo a spargere schifezze bugiarde e false.
E generiamo un mondo ancora più brutto di quello che già è.

Pensare che basterebbe un click in più per verificare.

Chiara 

Qui Alberto Puliafito dice più o meno le stesse cose, ma con argomenti più seri e con dettagli maggiori 

Annunci

8 pensieri su “Bufale, pesci d’aprile e di noi che siamo un po’ fessacchiotti.

  1. Purtroppo c’è la tendenza a condividere tutto senza verificare. Io su FB più che foto che mi piacciono, miei articoli e notizie prese dal secolo xix, che è il giornale di Genova, non condivido, almeno sto tranquilla, ma c’è gente che spamma qualunque cagata immaginabile di continuo.

    • Fai bene a verificare le fonti.
      I link dei personaggi famosi morti poi sono il massimo. Tutti a scrivere r.i.p. senza aver verificato che sono solo immonde bufale. Se puoi, leggi il link che ho pubblicato alla fine del mio testo. Rimanda ad una notizia dell’Huffington Post, mica cotiche, che esorta a linkare la loro pagina con …una bufala. Solo che lì si toccano i morti della sciagura aerea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...