in-comprensione

Le cose hanno tutte un dritto e un rovescio, un nero e un bianco.
Solo che noi stiamo sempre e solo da un lato e nemmeno ci azzardiamo a guardare dietro. Non siamo nemmeno curiosi di vedere cosa ci sia. Stiamo lì, seduti in prima fila a guardare fissi, gli occhi incollati, il pensiero radicale.
Non li vediamo i colori differenti, non le sentiamo le altre voci.
E dire che basterebbe girare la testa, o alzarci in piedi, o togliere le cuffie e quella musica alta, quella delle nostre sole parole, dalle orecchie.
E dire che basterebbe un po’ di ascolto in più.

Chiara

Annunci

7 pensieri su “in-comprensione

  1. Ascoltare è complesso. Richiede cuore, piuttosto che senso. Ed è questo che rende complesso l’ascolto, poichè se davvero si ascolta si finisce per “obbedire” (parole che in fondo significa nella sua radice latina, ascoltare) e noi non vogliamo obbedire. E perciò restiamo sordi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...