Una schiuma di panna acida che affiora

Tu che ne sai di me e delle mie parole, del tempo che passa, delle mie righe, della carta di giornale stropicciata gettata a terra per raccogliere la pioggia? Hai per caso collezionato i ritagli, li hai letti, confezionati, capiti?
Dimmi tu, che ne sai delle mie notti insonni, dei giorni affrettati, le mie paure, ciò che amo, come rido, sorrido, la forma tonda bianca del mio seno l’hai mai vista, il godimento sulla mia pelle quando faccio l’amore?
Tu li hai mai letti i miei libri, sfogliato le pagine, guardato i miei orizzonti, assaporato i miei baci, leccato le mie ferite, rispettato i miei silenzi, i passi, le sconfitte, il buio, l’amore?
Tu che ne sai del colore dei miei occhi, della forma delle parole che faccio nel silenzio della tastiera, aggrappata al telefono, seduta di fronte ad un caffè? Forse hai il potere di definire il volume delle mie passioni, l’intensità degli sguardi, la potenza dei sentimenti, il nome esatto alle mie emozioni: affetto, amore, amicizia, famiglia, dipendenza, ostinazione, presenza, determinandone per ogni parola che scrivo, che ascolti, che leggi, la perfetta definizione, sempre la stessa, uguale, stanca, ripetitiva, un mantra fasullo e pedante?

La presunzione dell’essere umano di sapere tutto dell’altro è una delle malattie dei nostri tempi, segno di imperfezioni e indecisioni.

Chiara

 

Annunci

9 pensieri su “Una schiuma di panna acida che affiora

  1. Tutto vero….purtroppo…
    Non basta una vita per conoscersi .é un divenire continuo che é impossibile avere per dire le stesse reazioni ad un fato che si ripete…
    Figuriamoci conoscere gli altri…
    Solo una vaga idea…possiamo forse…

    • Conoscere gli altri non è difficile; occorre tempo, dedizione, ascolto, attenzione. Occorre affetto e comprensione. Così si arriva a rispettare l’altro e a saperne, con umiltà, qualcosa di più.
      Ma c’è chi si permette di dire senza mai avere approfondito, senza conoscere, senza sapere. La peggior specie.

  2. Vero, vero. Il conoscersi è fatto di tanti fili sottili che si possono spezzare da un momento all’altro ed è per questo che è sempre utile parlare e non dare mai tutto per scontato. Un sorriso per te Chiara. Lila
    p.s. è molto bello il tuo header!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...