Quando non puoi più correre

Quanto è bello correre, quanta libertà, le proprie gambe a fare da perno e sostegno sul mondo, i muscoli tesi, la tensione, la fatica. Non parlo di corsa agonistica  ma di quella che si fa per raggiungere il treno in partenza, per arrivare prima ad un incontro amoroso, quando l’eccitazione non tiene il tempo.
Parlo di quando si corre perché si è in ritardo ad un appuntamento, quando solo si ha voglia d’imitare animali nel folto del bosco o nelle righe piatte di un parco.
Parlo di quando corri per asciugare i capelli, fino a farti lacrimare gli occhi, quando corri per scappare da te, le paure dietro a rincorrerti e tu corri e corri; parlo di me e delle mie gambe e dei muri dritti e lisci che la mia, di corsa, bloccano in ogni dove; parlo di quando il cuore batte fino a scoppiare fuori e non conta visto che tu stai proprio attendendo quell’attimo.

Quando non puoi più correre, vedi solo gente che corre e intravedi dipinta una felicità che è tua e a loro non appartiene, ma tu la vedi lo stesso.
Quando non puoi più correre, vedi solo montagne e sole e strade e luoghi per correre, dove invece sono angoli che non vedi tanto è dritto il tuo pensiero.
Quando non puoi più correre, il sedersi è greve; il cuore rallenta, rallentano i desideri; si ferma l’orizzonte, si blocca il sole, la terra smette di girare. Un equilibrio spezzato, una natura deserta e sacrificata, amputata.

Allora, cosa occorre fare per non morire poco alla volta?

Quando non puoi più correre, cammina.

Chiara 

 

Annunci

17 pensieri su “Quando non puoi più correre

  1. ciao Chiara, tutto bene?
    in effetti correre dà un senso di libertà, in un certo senso correre significa fermarsi per bloccare il tempo

    belle le gomme in testata, molto significative

  2. Ho dovuto ripensare a quando, poco più di 10 anni fa, mi operarono la prima volta nell’ospedale dove avevo lavorato alcuni anni. Mentre me ne stavo solo soletto nel mio letto e vedevo dalla finestra la strada con le macchine che, come ogni giorno passavano incuranti dell’ospedale, io, per la prima volta, mi trovai a pensare: “Chissà se potrò ancora guidare una macchina, camminare… essere vivo?”
    Ci sono ancora e sembro normale.
    Ciao.
    Quarc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...