Poesia in vendita o in regalo?

[Dove non parlo di me ma di cosa leggo]

La scrittura è una delle forme d’arte e creatività da me preferite. Leggere è un’aprirsi al mondo, un rinchiudersi dentro alle emozioni, estraniarsi e condividere. Apprezzo le parole ordinate, la scelta curata degli aggettivi, le virgole messe al posto giusto, la punteggiatura, l’armonia. Un bel libro, un racconto, una poesia, un saggio, deve suscitare curiosità, innovazione, ricerca della perfezione, attenzione alla grammatica, al senso logico.
La scrittura necessita tempo, aggiustamenti, ritocchi, tagli, rifiniture; si deve sentire il cesello, la fatica ed è lì che nasce il capolavoro.

Una delle ramificazioni della scrittura che maggiormente amo, da sempre, è la poesia. Mi approccio alla poesia con sentimenti puri, sempre disposta, come tra le braccia di un amante, a farmi sorprendere.
Non cerco nulla quando leggo una poesia, piuttosto mi lascio trovare, scoperta nelle mie emozioni.
La poesia è là, su di un piedistallo di perfezione, un’elegia d’incanto, una pala d’altare, un’alba dorata. La poesia è purezza, devozione, racchiusa in uno scrigno.
Così la vedo io.

Nel contemporaneo dei nostri tempi, la poesia è tutt’altro. Tutti sanno scrivere poesia, tutti ne confezionano a rime pari o dispari, tutti gettano i loro sentimenti dentro ad una scatola disarmonica di parole, nella convinzione che poesia sia puro sentire.
Tutti, tanti ne scrivono: occorre ordinarli, schedarli, racchiuderli in gruppi chiusi o farli disperdere tra gli altri?

Tempo fa seguii la manifestazione Cortili in versi ( anche sul blog Poeti d’Ombra), un manifestazione che raccoglieva diversi poeti permettendo loro di recitare i loro versi per strade e cortili. Tale manifestazione ha prodotto come coda un concorso di poesia dedicato ad uno studioso e divulgatore di poesie.
Parto da questo concorso per esprimere cosa penso. ( qui il concorso, qualora a qualcuno di voi interessasse partecipare, il tema proposto è intrigante ” Vita di quartiere” ed è aperto anche ai bambini)

C’è un proliferare di concorsi di poesia, fatevi un giro su Concorsi Letterari. net (qui il link), alcuni richiedono una quota di iscrizione, altri gratuiti, tema molto spesso libero ( è molto difficile trovare un poeta che sappia scrivere di un tema specifico – a parte l’amore, lì tutti eccellono), alcuni promettono premi in denaro, altri in gratificazione, altri in pubblicazione o personale o in un bel e-book tutti insieme appassionatamente.
Ogni regolamento porta con sé la clausola che le poesie inviate non saranno restituite e resteranno di proprietà di chi ha organizzato il concorso che nulla dovrà all’autore degli eventuali guadagni di una sua pubblicazione.

La poesia sente la necessità di essere in concorso? La poesia sente il desiderio di essere venduta ad altri per vedersi pubblicata? La poesia è pronta ad essere giudicata? E da chi poi? Quali sono questi giudici che possono mettere mani e naso tra le righe di una poesia e decidere quale  sia il vincitore?
Sento dappertutto dire che la poesia è emozione pura e quindi, proprio per questa caratteristica, soggettiva. Il giudice di un concorso saprà essere invece oggettivo o si farà solo guidare dalle sue emozioni? O forse, come ormai tutto in Italia, vincerà chi conosce?

La poesia si può vendere o la si svende per una pubblicazione?

Molto meglio chi si autopubblica, perché ha il coraggio di sé, delle sue parole, e magari non venderà un libro, ma avrà conservato la dignità dei suoi pensieri e tutte le sue opere saranno sue.
Molto meglio ancora per chi, come me , legge e può scegliere ciò che ama, senza alcun condizionamento.

Chiara

Annunci

6 pensieri su “Poesia in vendita o in regalo?

  1. è un tema molto complesso, e forse più di una risposta può soddisfare le tue domande. Domande che ci facciamo in molti immagino. Non mi voglio dilungare, anche perché non ne sarei capace, aggiungo solo che avendo provato la pubblicazione a pagamento e no, opto decisamente verso quest’ultima; penso la poesia meriti rispetto e renderla merce è la cosa peggiore le si possa fare. Per i concorsi devo dirti che sono molto combattuto, alcuni a cui ho partecipato si sono rivelati delle vere e proprie truffe; ma anche qui la materia è abbastanza complessa, i requisiti minimi prevedono perlomeno una fluidità di linguaggio, un’originalità se non nell’argomento. nell’esposizione. La maggior parte della poesia, sia in rete che non, risente di una soggettività estremamente spiccata, difficilmente giudicabile fuori dai parametri puramente “tecnici”
    se ne può uscire gratificati o fortemente avviliti, e non abbiamo certo bisogno di altri motivi per minare l’autostima, vero?
    🙂
    insomma, io amo sempre dire che tutta la gioia della scrittura, e della poesia, risiede nel praticarla, il resto va e viene…

    • E’ un tema complesso e molto soggettivo, grazie quindi del tuo commento.
      Dici bene che la gioia della scrittura risiede nel praticarla, ma allora come mi spieghi la sua pubblicazione? se così fosse davvero, non ce ne sarebbe bisogno, non trovi?
      La gratificazione o no nei concorsi è un dato da considerare, ma credo che la maggior gratificazione sia piacere alle persone, anche semplici, che ti leggono e ti capiscono.
      Apprezzo molto la tua poesia, lo sai, ma non ero a conoscenza di tue pubblicazioni: dove le trovo?
      Un abbraccio, caro Massimo 🙂

      • certo Chiara, non ho detto non sia importante pubblicare, farsi leggere e condividere è una gioia immensa, tant’è che siamo qui, nel mondo dei blog. Un po’ di disillusione e distacco li ho maturati nel tempo, pena alcune esperienze negative, ma generalizzare è sempre un errore, sono d’accordo.
        L’ultimo libro, probabilmente il più significativo, quello più vicino a come mi piace scrivere ora mettiamola così
        si trova nella collana poeti senza cielo della Genesi editrice di Torino.

        un abbraccio a te Chiara

        🙂

  2. Concordo con Massimo che si tratta di un tema complesso ma anche io credo che la poesia non debba essere oggetto di mercificazione. Anche per i concorsi letterari bisogna avere occhio e cercare di capire quali non presentano degli inconvenienti non previsti.
    Un sorriso per te Chiara. Lila

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...