L’arcangelo Michele

“Credo che le moderne montagne della presenza di Dio siano l’uomo stesso. E dove c’è un uomo c’è un angelo, un protettore, un consolatore divino. E se la vita sfugge, proprio certe montagne possono permettere di fare sintesi, di ritagliarsi del tempo per se stessi e, in qualche modo, ritardare il tempo o meglio dargli la qualità che noi desideriamo. Trovare la propria montagna credo sia una responsabilità per ciascuno, per la qualità della propria vita e per quella delle nostre relazioni”

Ho ricevuto in dono queste parole, perché le parole arrivano quando le cerchi.

Chiara

Annunci