C’è pazienza.

C’è pazienza, amico mio, nei miei occhi stanchi, quando la sera ripongo cassetti di speranze.
Mi chiedi d’arrotolare i ricordi sotto il braccio, conservarli in soffitte del tempo aride  e schiave.
Mi aiuti ad impilare fotografie e bustine di tè, libri riletti, affreschi dipinti di santi e chiostri silenziosi.

Mi aiuti, per mano, nel pietoso conforto.
Mi chiedi il tempo, tempo d’attesa e mancanza, tempo rubato e nascosto, tempo di letargo e maturazione.
Tempo.

Mi chiedi, forse implori, forse speri, forse sai, il tempo che dedicherò a mitigare gli affanni e al silenzio, un’ombra trasparente agli occhi del tuo presente.

Ciò che chiedi, la pazienza, è il costo del nostro vivere.
Il male minore.

Chiara

 

Ode to the fallen – Adrian Von Ziegler 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...