I libri sono grandi consiglieri.

Ho sempre pensato che i libri fossero dei gran consiglieri. Se siamo attenti, tra le righe, può sovvenirci la frase giusta, l’insegnamento che rincorriamo da tempo, la formula ai nostri desideri, il riso strappato alla noia, la forza nella stanchezza. Che sia una frase della nostra lettura o ascoltata da un pulpito.

“Se tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ ed ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolta, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolta, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano”
dal Vangelo secondo Matteo (18,15-20)

Non sono solita andare a messa, ma domenica, capitata per motivi di famiglia, nel mezzo del rito, dalle pagine del Vangelo, il grande fato dei libri mi ha parlato. 
Il senso in parole spicce, lo capite,  dice ” se hai un problema con qualcuno, cerca di risolverlo tra te e lui; successivamente chiama due testimoni, se ancora non serve dillo a tutti. Se il problema persiste, allora, lascia perdere.”

E’  quel “lascia perdere“, non prima di aver tentato tutto ciò che ritieni giusto e possibile, che aspettavo da tempo. Che mi era già stato consigliato, ma da bocca viva e non da imperitura sentenza di un libro.
Noi non siamo Dio, e, per i non cristiani, noi non siamo la morale assoluta, il verdetto finale.
Siamo esseri umani, con i limiti che sappiamo e che spesso dimentichiamo.
Limiti che sono ancora più fragili e labili nei rapporti con gli altri.

Riconoscere i nostri limiti è la via prima per diventare liberi 

Chiara 

10 pensieri su “I libri sono grandi consiglieri.

    • Se resta l’amaro in bocca, significa che non si è risolto. E’ quando rendi determinante il “lascia perdere” che hai vinto, sei libera.
      “sia per te come il pagano e il pubblicano” io lo intendo: “che non esista più per te”
      Hai fatto tutto il possibile? hai chiesto ad altri? Hai chiesto alla gente? e non hai potuto risolvere?
      Certo è un limite, un limite della nostra capacità di relazionarci con quel problema. Ed è accettarlo quel limite che ci fa essere liberi.
      Io lo vivo così.
      Buona giornata cara

        • Io non mica imparato, e conferma lo è che per alcuni fatti che so, mi era stato ripetuto mille volte e mai ho ascoltato.
          Il mio post di oggi vuole solo dire che certe soluzioni possono darcele i libri; poi sta a noi farle nostre e andare verso la strada giusta o che crediamo tale.
          Sono felice per la tua estate :)…qui non c’è mai stata quest’anno.

  1. A volte dubito della verità, ma quando leggo queste parole così chiare così semplici, i miei dubbi per un attimo svaniscono e assaporo…
    Grazie Chiara…
    Simo

    • Nessuno può dire che queste siano verità; sono maldestri tentativi di spiegarsi. Io credo che scrivendo i miei pensieri, poi mi diventano più chiari.
      Prego per le tue letture attente e ricche di sentimento.
      Buona notte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...