Memoria della notte

Io, oggi, vorrei dirvi che la serenità è una cosa da grandi.
La felicità no, quella è per i giovani e i bambini che li vedi giocare e ridere senza senso e correre e sbattere e rialzarsi e ridere ancora. La felicità è una cosa per i piccoli e per gli anziani, quando il cervello s’è smesso d’esistere e resta solo il cuore.

La serenità è di quel periodo di vita dopo le battaglie perse e le sconfitte, quel periodo di lotta continua tra passioni e deliri, fallimenti e vittorie, senza posa mai, neppure nella notte. Vien di natura disperare, non accettare compromessi, deridere, esigere, amare pazzamente, strillare, donarsi completamente e d’inquietudine si veste ogni attimo e respiro, senz’altra tregua che qualche attimo di disperata morte.
Non parlo di morte vera, quella che azzera il respiro, ma di morte d’anima, che blocca, frena e rinasce d’accesa scintilla ogni volta, alla ricerca della meta meravigliosa della felicità.

La serenità avviene proprio dopo le tempeste emotive del cuore.

Avviene se la si cerca, se si dispone se stessi al riposo e alla quiete. Non s’intenda stagnazione e rassegnazione che chi ha potere di credere sia così la serenità è solo ribelle incompiuto e inganno deluso dalla vita; non s’intenda forzatura e silenzio che chi intravede questo nella serenità è un adulto imperfetto.

Avviene e quando accade straordinariamente resta.

Non s’illuda chi è sereno d’aver messo da parte sofferenze, passioni e godimenti; ma sappia che tutto sarà rallentato come di giro di bicicletta e d’annusare ogni passo sarà capace e riconoscere suoi simili e diversi; ed allontanarsi e restare e capacità di discernimento sarà accresciuta e pace se lo vorrà e quiete se desiderata.
Notti insonni albergheranno tra serenità e paura, ma d’ogni mattina l’approdo sarà un porto quieto abitato dentro di sè.

Chiara 

Annunci

8 pensieri su “Memoria della notte

  1. Bellissimo Chiara questo pensiero che condivido e che in questo momento mi aiuta… Sì, perché spesso mi ritrovo ancora a rincorrere nonostante la mia età, mulini a vento effimeri che appaiono all’orizzonte illudendo ancora il mio cuore, e invece mi fa bene apprezzare quello per cui sto lottando, solo un po’ di serenità…
    Buona giornata, cara…
    Rileggerò spesso le tue parole…
    Simo

    • Rincorrere mulini a vento effimeri non è un male, sarebbe triste ammainare le vele troppo presto. Ma occorre, e parlo per me, sapere che alcuni sono effimeri ed altri no. E non cadere nel tranello mortale dell’insoddisfazione perenne.
      La serenità conquistata riesce, a mio parere, a rallentare i respiri troppo spinti, a ricucire le lacrime, a godere di noi stessi.
      Sono felice se tornerai
      Buona giornata

  2. La felicità è una condizione per un evento positivo.
    La serenità è l’appagamento dello spirito, il ritrovare l’equilibrio interiore. Non rassegnazione ma il raggiungimento di una pace.
    Bello e profondo è questo post.
    Una serena serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...