Sacrament of tears – il risveglio

Qui la mia lettura del testo

Seduto sul letto disfatto sta un fantoccio senza vita, l’anima risucchiata qual polpa umida di lumaca.
S’articolano a sillabe le sue parole, prosciugato il respiro; neppure un grammo d’infuocata fiele gli è stato risparmiato.
Lo sguardo vacuo nel vuoto intorno a sé riconosce le mute pareti disfatte in nera pece d’esistenza.
L’aria è immota.

Da quanto tempo è fermo?

Cucite sul dorso, sui palmi, sui piedi, la schiena, in uno stanco rapido conto, ritrova ami di ferro e fili, fili ovunque. Fili che muovono, comandano, girano, voltano la sua esistenza. E’ di grigia indifferenza il ghigno del mondo che lo circonda, un buio baratro di convulse parole, su podi sempre più elevati e spinti. Il collo duole, una tensione schiacciante tende gli arti, compressa la mente in una morsa d’obbligo e futuro.

Da quanto tempo è fermo?

La coda gli è nata, di pezza, si sente tirare e ancora una volta quei fili comandano e la giostra gira e appeso a capo in giù la coda viene portata a scherno di chi corre e grida e ride e tenta di prenderla, la coda, e vincere il giro. “Giù il gettone!”, “La prendo io!”. La testa duole, la giostra gira, la coda duole, la giostra gira, qualcuno tira il filo, un po’ su, un po’ giù, un po’ su e un po’ giù. Tutti ridono, sono allegri, gridano, tutto gira. Qualcuno, più forte, controlla il filo.

Da quanto tempo è fermo?

La testa china, il dovere apparecchiato sul desco del quotidiano, il saper dire, il saper fare, il lasciarsi fare, il non essere, il credere d’essere. La pelle s’abitua a non sentire dolore, il cuore assimila il piacere con il dovere e cammina, senza più vedere il risplendere del sole: il buio appesta la stanza, un buio fitto, continuo, senza pace ove pace si crede che sia.

Da quanto tempo è fermo?

Se si strappa l’amo, i fili, la pelle sanguinerà, la pelle brucerà, il dolore sarà forte, ma sarà più forte la liberazione. Non si muore se si corre; se si corre non si scappa ma si torna a vivere. Si riapre il cielo, le persiane chiuse mozzano il fiato e la speranza.
L’immagino ora, seduta da qui, la forbice che taglia i fili, uno ad uno, più lento il processo, più forte la consapevolezza, più libero e vero il futuro. L’immagino ora il vento che rianima il respiro, i polmoni aperti d’aria nuova che buca: quanto dolore a ritrovare se stessi?

Ora, finalmente, chi  vedi allo specchio sei tu.

Chiara

15 pensieri su “Sacrament of tears – il risveglio

  1. È incredibile quante sensazioni sei stata capace di darmi fino all’ultimo. All’inizio mi sentivo come se fossi la vittima di un ragno immenso che mi legava a se con i suoi fili di tela appiccicosi e poi la svolta finale. Tutte tue frasi ben ponderate sono necessarie per l’incedere delle racconto delle immagini, non ce n’è una in più, una che stona. Complimenti!!!!

  2. Pingback: Sacrament of tears – il risveglio ( audio) | squarcidisilenzio
  3. Ho ascoltato la tua voce recitare il testo.
    Come intuivo sei anche colorita nell’esposizione, il che mi induce a ribadire che l’arte non è mai sola e non sarai mai sola se saprai essere artista.
    Un abbraccio complimentoso.
    Giancarlo

    • “l’arte non è mai sola e non sarai mai sola se saprai essere artista.”
      Mi doni spesso aforismi toccanti. Grazie.
      Ricambio con una riverenza 🙂
      Mi sono divertita, Giancarlo. E ho vissuto su di me le mie parole. Io mi leggo sempre a voce alta, dopo aver scritto. Se ti leggi a voce alta, ti accorgi degli errori, delle parole che inceppano, che non scorrono. E’ un buon modo, a mio giudizio. Questo tentativo di pubblicarmi però non mi è consueto.
      Buona notte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...