Senza ritorno

Avevi pensato che sarebbe stato sempre così
in quel giorno nato appeso ad una terrazza.
O forse lo avevi solo voluto,
ricamato di raggi d’alba sul mare.

Lui dormiva lento respiro
in un letto vuoto di sogni
e tu lo guardavi
sorridendo del passato concepito presente.
Nessuno allora avrebbe potuto insegnarti a soffrire
-l’avresti imparato da sola-
perché i tuoi occhi erano dipinti d’infinito.

L’amore, sì l’amore, aveva colore di una coppa di miele
e profumo di rosa e colonia e vino rosso,
ed il cielo terso faceva coperta al freddo
che avresti sentito
– lui già sapeva-

Dormiva nel letto intatto di sogni
e sorrise nell’affrettato risveglio
nel vederti lì accanto, desiderio avverato
e mai più ricompensato.

Chiara

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...